Crash Team Racing: Nitro-Fueled – Pregi & Difetti

Scritto il 25.06.2019
da Ismaele "Isma92" Mosca
Crash Team Racing: Nitro-Fueled - Pregi & Difetti

Un’analisi veloce su questo remake

Al day one abbiamo rilasciato la nostra recensione di Crash Team Racing: Nitro-Fueled, a cura di Gennaro Schiavelli. Quest’oggi ritorniamo con Pregi & Difetti per realizzare un articolo più snello e che va direttamente al dunque, evidenziando quelli che sono i punti forza e i problemi – o piccoli nei – della produzione.

Crash Team Racing viene ancora oggi ricordato con affetto e nostalgia dai fan del peramele, nato dalle menti in quel di Naughty Dog. Questo remake è stato sicuramente un ottimo ammodernamento di un gioco di ben vent’anni fa, uscito ai tempi in esclusiva PlayStation. In questa riproposizione funziona davvero tutto o c’è anche qualche cosa che non va? Scopriamolo insieme.

Crash Team Racing Remake

Pregi

  • Il lavoro svolto per Crash Team Racing: Nitro-Fueled dal punto di vista tecnico è notevole. Il restyling dei circuiti, dei personaggi (provenienti anche da Nitro Kart e Tag Team Racing) e di tutto ciò che compone questa produzione è minuzioso e presenta tanti lievi accorgimenti e migliorie, ammodernando un titolo di vent’anni fa nel miglior modo possibile. L’impatto audiovisivo è favoloso.
  • Sui contenuti è stato fatto un ottimo lavoro, infatti non solo ritroviamo i circuiti di Nitro Kart, ma anche alcune modalità in più. Nell’originale era possibile scegliere soltanto tra piste singole, gare campionato e prova a tempo, nonché battaglia nella quale era necessario giocare per forza in multiplayer. In Nitro-Fueled non solo è disponibile una vasta scelta di modalità tra cui alcune dell’Avventura, ma anche la possibilità di giocare tutte le tipologie di battaglia in single player. Inoltre, se prima c’era solamente la possibilità del multiplayer sino a quattro giocatori, adesso il numero rimane invariato ed oltre a poter giocare da soli è possibile arrivare sino ad otto giocatori inserendo i piloti mancanti controllati dalla CPU. Quindi, se giochiamo in tre, possiamo arrivare ad otto con i restanti cinque personaggi controllati dall’IA. Insomma, molta più carne al fuoco per arricchire ancor di più il single player ma anche le molteplici sfide con gli amici.
  • Il sistema di guida è stato leggermente modificato. Per chi arriva dal Crash Team Racing originale potrebbe impiegarci un po’ ad abituarcisi, ma il tanto che basta per apprezzare al meglio le piccole rifiniture nelle meccaniche di gioco. Innanzitutto è cambiata la risposta da parte della fisica in questo remake che risulta maggiormente accurata. Pure il sistema di derapata ha subito un lieve restyling e sebbene il feeling rimanga nel complesso inalterato, ritroviamo una guidabilità che rende il tutto ancor più adrenalinico rispetto al passato, pur considerando che qualcuno possa preferire ancora oggi il vecchio stile (e forse chi vi scrive appartiene a questi); un conto sono però le preferenze, un altro i fatti: le sottili modifiche e i leggeri ritocchi rendono il sistema di guida, nel complesso, migliorato. Insomma, lo stesso gioco di vent’anni fa, ma ancor più bello.
  • La componente online era inevitabile in un prodotto di questo tipo, ma considerando non ci fosse nell’originale e che, salvo i problemi del day one, il tutto funziona perfettamente, non possiamo che menzionarla tra i pregi dell’opera. Vi ricordiamo infatti che nel periodo di prova pre-lancio l’online non ci aveva dato problemi e che questi si siano palesati solo nel giorno dell’uscita (probabilmente anche per assalto ai server). In questo momento, il tutto sembrerebbe ritornato stabile.
  • Pur non essendo un elemento importante va comunque considerata l’aggiunta di modifiche estetiche che faranno di sicuro la felicità di molti, specie i nostalgici che potranno trovare alcuni circuiti riproposti con la grafica di vent’anni fa e svariate skin retro. Inoltre sono in programma 13 DLC gratuiti che non andranno solo ad abbellire il gioco ma anche ad aggiungere del contenuto, tra cui qualche nuovo tracciato realizzato ad hoc per il remake in questione.

Difetti

  • I circuiti di Nitro Kart aggiungo sicuramente maggior varietà per le gare da soli o tra amici oppure in modalità online; il che è un bene, in quanto è un qualcosa in più che non guasta. Tuttavia, appartenendo ad un titolo diverso, si nota la qualità inferiore nel track design e dunque ci teniamo a segnalarlo. Non si tratta di un grave problema, ma rimane pur sempre un piccolo neo e forse il team avrebbe potuto mettere su mano per renderli un po’ più in linea con quelli del capitolo originale.
  • La modalità Difficile di Crash Team Racing: Nitro-Fueled è purtroppo sbilanciata rispetto alla versione originale. Nel titolo di vent’anni fa era possibile scegliere il livello di difficoltà solo nell’arcade mode e c’era un solido equilibrio tra Easy, Medium e Hard. In Nitro-Fueled, no. Tra Medio e Difficile c’è una sorta di distacco quasi assurdo che dà l’impressione manchi una modalità nel mezzo. Anche qui, niente di trascendentale, ma per chi cerca un minimo di sfida in più, ma non gli estremismi per i giocatori pro, potrebbe rivelarsi una brutta gatta da pelare. Confidiamo in una patch correttiva.
  • L’Avventura è suddivisa in modalità Classica e Nitro-Fueled. La prima è semplicemente identica all’originale del 1999; la seconda, invece, ci permette di scegliere il livello di difficoltà e di cambiare i piloti in corso d’opera. Tuttavia, per quanto ammirabile come operazione, riteniamo non fosse poi così necessaria allo stato attuale siccome poteva essere di gran lunga più godibile aggiungere dei contenuti in più nella modalità Nitro-Fueled, proprio perché chi avrebbe voluto l’esperienza originale poteva tranquillamente scegliere la Classica. Non per altro, i circuiti in più ripresi da Nitro Kart non vengono sfruttati per l’Avventura in modalità Nitro-Fueled. Se proprio non li si voleva sfruttare, si poteva senz’altro inserire qualcosina in più che ne giustificasse la scelta, pure perché non c’era il rischio di snaturare nulla.
  • [RISOLTO] Pur essendoci la possibilità di giocare online con il mondo è un gran peccato che manchi un elemento così scontato, specie in questa tipologia di prodotti: la leaderboard per tutto quel che concerne i record. Le prove a tempo, a differenza dell’originale, questa volta hanno dei record di default da superare, ma nel 2019 le persone vogliono confrontarsi con tutto il mondo, non solo con dei risultati preinstallati o con qualche amico, al massimo. Un vero peccato, ma anche in questo caso non ci resta che confidare in una patch che possa aggiungere la leaderboard in futuro.
  • Proprio come nell’originale è rimasto inalterato il fattore casualità degli oggetti; il che non è un problema in quanto il gioco non è Diddy Kong Racing e i power up si raccolgono casualmente proprio come in Mario Kart. Tuttavia non c’è un vero bilanciamento a seconda della posizione come in quest’ultimo e quindi possono capitare potenziamenti di un certo spessore anche tra le prime fila. Pure in Mario Kart può succedere (sempre premendo il tasto atto al loro utilizzo per ottenerli prima), ma è una vera e propria rarità. In Crash Team Racing questo piccolo equilibrio non esiste e nel remake il tutto è rimasto intatto.
ctr dlc

Conclusioni

Il lavoro svolto per la realizzazione di questo remake è decisamente impeccabile dal profilo tecnico e stilistico. Può lasciare un pochino di amaro in bocca ciò che abbiamo riportato nei difetti, sebbene sia un parolone per queste lievi mancanze. Si tratta infatti di piccoli nei che non inficiano l’esperienza complessiva del gioco, ma che comunque abbiamo sottolineato in questa tipologia di articolo proprio perché serve ad evidenziare tutto ciò, in modo che il lettore possa farsi un’idea precisa sul gioco e con più immediatezza rispetto ad una recensione.

Che lo abbiate amato nel 1999 o che vi approcciate per la prima volta al titolo, Crash Team Racing: Nitro-Fueled è un ottimo remake e ripropone la formula vincente di vent’anni fa rendendola tale ancora oggi, con i dovuti accorgimenti. Se non lo avete giocato ai tempi, non avete più scuse. Ardue sfide vi attendono.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi