Resident Evil 3 Remake: Nemesis ritorna a Raccoon City

Dopo il successo del remake di Resident Evil 2, Capcom decide di mettersi in gioco proponendo anche il terzo capitolo in una veste completamente nuova, ancor più del suo predecessore

Scritto il 12.12.2019
da Francesco Damiani
Resident Evil 3

Dopo l’incredibile successo ottenuto con il remake di Resident Evil 2 arrivato lo scorso gennaio, Capcom ha deciso continuare la sua cavalcata del successo, portando alla luce un altro capolavoro ludico dell’amatissima saga horror, approdato nel 1999 sulla prima PlayStation. Parliamo per l’appunto di Resident Evil 3 Remake; dopo diverse voci di corridoio con tanto di immagini leakate sul PlayStation Store, nel pomeriggio del 10 di dicembre durante lo State of Play è stato annunciato ufficialmente con uno spettacolare trailer realizzato in RE Engine.

Il filmato mostrato durante lo show di Sony è stato sicuramente impressionante considerando i ritmi frenetici e pieni di terrore; momenti che durante la nostra adolescenza avevamo assaporato al nostro primo approccio con il titolo. Il Remake del terzo capitolo si preannuncia essere un titolo capace di rendere giustizia all’originale, ma con l’aggiunta di qualche innovazione per quanto riguarderà la campagna: stando ad alcune dichiarazioni della software house,vil titolo disporrà di contenuti che potranno modificare i decorsi della story mode, oltre alla sezione della nuova esperienza giocabile in multiplayer chiamata Resident Evil Resistence, annunciata pochi mesi fa.

Insomma, sembra che Resident Evil 3 abbia già messo le basi per essere un titolo horror di grande spessore è molto più ricco del secondo, andando ad appagare ogni appassionato della saga.

Resident Evil 3

Resident Evil 3 e il ritorno a Raccoon City

Ambientato prima dell’arrivo di Leon e Claire, nel terzo capitolo vivremo e assisteremo in prima persona alla caduta della città di Raccoon City per mano dei non-morti. Il filmato si apre con la nostra protagonista, Jill Valentine: la visuale in prima persona enfatizza fin dai primi minuti la scena; la giovane ragazza in fuga dal suo appartamento per mano del terrificante Nemesis, che cerca di braccarla piano dopo piano. La sequenza ritmata prosegue fino a quando Jill riesce ad uscire intatta dall’edificio in fiamme, la visuale si sposta poi in terza persona chiudendo la scena con una dissolvenza e la chiamata da parte di un’agente di polizia.

La visuale in prima persona osservata nei primi minuti del video non è da escludere che possa essere una nuova aggiunta all’esperienza del gioco, permettendo di dare un’immersività totale al gameplay, sebbene possa appartenere al contempo a Resident Evil Resistance. Per fugare ogni dubbio, dobbiamo solo aspettare dichiarazioni ufficiali da parte di Capcom. Potrebbe però risultare interessante un mix tra l’esperienza “classica” di Resident Evil e quella del settimo capitolo che, ricordiamo, era in prima persona.

Da quanto emerge nel filmato, la situazione a Raccoon City sembra essere molto più grave di quanto si pensi: i non-morti assediano ogni quartiere della città e Jill insieme a Brad Vickers collaboracon gli ultimi poliziotti per evacuare i sopravvissuti rimasti; vivremo dei veri attimi di terrore, per via del rilascio di un’arma biologica che ne ha causato un evento senza precedenti.

Resident Evil 3 Remake sarà una vera avventura horror che ci spingerà a scendere “all’Inferno”, popolato da folte schiere di zombie che cercheranno di ostacolare il nostro cammino; a questo proposito gli sviluppatori del titolo hanno diffuso in rete un secondo filmato nel quale hanno raccontato e mostrato alcuni particolari di Valentine mentre esplora i cunicoli bui della città popolati da zombie; la mappa sembra essere molto più ampia rispetto all’originale, tanto che non è da escludere la possibilità di accesso a molte aree del gioco aggiuntive e l’inserimento di alcune quest secondarie il cui obbiettivo potrebbe essere quello di aiutare qualche abitante del posto. Potrebbe addirittura esserci anche un’aspetto psicologico riguardo la nostra bella protagonista. In alcuni frame del filmato mostratoci da Capcom abbiamo potuto intravedere una Jill decrepita con un filtro bianco e nero. Tutto però è chiaramente da confermare, ma non possiamo non azzardare questa ipotesi che potrebbe rivelarsi un’ulteriore svolta di questo remake dal punto di vista narrativo. Nel trailer è stato evidenziato infatti che oltre ad essere un rifacimento, Resident Evil 3 ha subito un notevole redesign.

Ad un’occhiata più dettagliata è impressionante come la realizzazione dei personaggi sia curata nel minimo dettaglio e in modo maniacale rispetto anche ai protagonisti di Resident Evil 2. Basti vedere Jill, dove sembra rispecchiare molto la somiglianza con l’attrice, nonché protagonista della saga cinematografica, Milla Jovavonich. Lo stesso equivale per alti protagonisti del passato e altrettanti che nel corso dell’avventura conosceremo, giocando magari un ruolo chiave all’interno della famigerata Umbrella Corporation.

Riguardo il sistema shooting, per quanto al momento sia un po’ prematuro poterne parlare, dai quei pochi spari osservati sembra essere stato migliorato, seguendo molto più lo stile action del suo antenato.

Resident Evil 3

NEMESIS IS BACK !!

Se nel secondo capitolo, Claire e Sherry hanno dovuto vedersela con il padre della piccola divenuto poi una creatura mostruosa a causa del G-virus e Leon scontrarsi contro il T-103, in questo terzo capitolo la giovane Jill dovrà vendere cara la pelle per cercare di sopravvivere al temibile Nemesis.

L’arma biologica iconica della saga, che durante il filmato abbiamo potuto solo intravedere dal volto, è riuscito a farci provare una terribile sensazione di paura, esperienza per l’appunto descritta riguardante la prima sequenza di apertura con Valentine che tenta di scappare dalla creatura che, come riportato nel paragrafo precedente, cerca di catturarla rompendogli il pavimento sotto i suoi piedi. Attimi di vero panico che solo al pensiero di potercelo trovare dinanzi a noi nel gioco potrà causare dei jump scare da non sottovalutare.

Proprio in merito al Nemesis sono state rilasciate delle informazioni riguardo le abilità che disporrà, affermandone di averne molte di più rispetto ai normali. Fino a questo momento il lavoro svolto da Capcom ci fa ben sperare del risultato finale. Non ci resta quindi che attendere ulteriori informazioni riguardo Resident Evil 3 Remake. Quello che finora sappiamo è che Capcom ha di certo in serbo diverse novità per questo titolo e una di queste è proprio l’aspetto del multiplayer che si spera possa andare a rendere molto più corposa l’opera.

Nell’attesa di poterlo provare con mano, non possiamo che aspettare il 3 aprile 2020 per ritornare nella terrificante città di Raccoon City e sfuggire al temibile Nemesis.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi