Riscoperti Con Game Pass – Metro 2033 Redux

Scritto il 10.02.2019
da Ismaele "Isma92" Mosca
Metro 2033 Redux - Riscoperti Con Game Pass

Un altro gioiello tratto da un romanzo

Devo ammettere la mia più grande lacuna con Metro 2033. Quando uscì nel 2010 come esclusiva Xbox 360 e Microsoft Windows, io non possedevo ancora la console del Colosso di Redmond. L’ho infatti recuperata alcuni anni dopo per giocare quel capolavoro che porta il nome di Lost Odyssey e in seguito rimediai un bundle contenente il primo Darksiders e, appunto, Metro 2033. Tuttavia, non riuscii a giocare a dovere nessuna delle due opere; iniziai giusto Darksiders, reduce dal secondo capitolo che avevo completato su Nintendo Wii U e che mi era piaciuto parecchio. Proprio per questo, ero curioso di provare il suo prequel, comprando così l’edizione assieme a Metro 2033. Siccome avevo sempre letto pareri entusiasmanti, mi era salita la voglia di provarlo. Ecco quindi il classico caso: due piccioni con una fava.

Ahimè, però, Darksiders l’ho giocato per bene poi su Xbox One solo di recente, nella sua Warmastered Edition, disponibile proprio su Game Pass (sfruttando il servizio in abbonamento di Microsoft). Ed ora, vista l’ormai imminente uscita di Metro Exodus, terzo capitolo dedicato alla saga di 4A Games, ho deciso che sia giunto il momento di colmare quella mia grande lacuna. Su Game Pass è disponibile Metro 2033 Redux e anche il suo sequel, Last Light Redux. Così, l’ho scaricato, pensando che non sarebbe stato male scriverci qualcosa.

Metro 2033 Redux - Screenshot 2

Obiettivo: sopravvivenza

Metro 2033, proprio come The Witcher, prende vita da un romanzo. In questo caso, si basa su quello omonimo dello scrittore russo, Dmitry Glukhovsky. Il tema è quello post-apocalittico e la particolarità del gioco è la sua natura FPS combinata con elementi da survival horror. Il giocatore sarà infatti chiamato in causa a sfruttare sapientemente le sue scarse risorse e a trovarle in giro. Sì, perché a seguito di una guerra nucleare, nell’anno 2033 a cui fa riferimento il titolo in copertina, i superstiti si trovano costretti a vivere nelle metropolitane di Mosca, in Russia, diventate veri e propri rifugi-città.

Intriso da un’atmosfera angosciante, in Metro 2033 la minaccia non si trova soltanto in superficie. Infatti, capita molto spesso che le creature mostruose i “Novi Homines” (eh no, non è per niente una barretta di cioccolato), definiti come Tetri, vaghino per le gallerie, pronti ad attaccare i nostri “avamposti”. Molte volte dovremo quindi difendere la nostra base e sopravvivere, nella speranza di un futuro migliore. Futuro che però sembra sempre più incerto e utopico, finché uno sconosciuto di nome Hunter, che sembra avere dei rapporti con il patrigno del protagonista, Artyom, ci incaricherà di portare un messaggio di vitale importanza alla principale stazione di Mosca, Polis.

Tuttavia, ci ritroveremo a dover sopravvivere non solo ai mostri e alle avversità di ogni tipo e di un mondo in rovina, ma anche a banditi e criminali di ogni sorta che incontreremo durante il nostro cammino, perché è proprio nei momenti crudi e difficili che emerge la natura umana più spietata ed egoistica, pronta a sfruttare la terribile situazione a proprio vantaggio. Per sopravvivere. Non conta nient’altro in queste situazioni, se non il portare a casa la propria pelle; giorno dopo giorno.

Metro 2033 Redux - Screenshot

Un FPS ben scritto

Stando a quanto visto sin dove sono arrivato, bisogna riconoscere la qualità della sceneggiatura e delle scene girate. La regia è sempre di ottima fattura, considerando anche che si tratti di una produzione uscita nove anni fa. Il contesto narrativo e la struttura del racconto ben si amalgamano con il comparto ludico. Pad alla mano, si avverte totalmente la sensazione lugubre di essere spacciati in ogni momento. La solitudine nelle profondità delle gallerie e il mondo in superficie invalicabile senza una maschera antigas.

Le fasi shooting sono di spessore e giocato alla difficoltà più alta, Metro 2033 regala la sua massima espressione, consacrando un’esperienza di gioco veramente eccezionale. A differenza di altri esponenti del genere, nell’opera di 4A Games è bene non sprecare munizioni ed esplorare le zone per scovare eventuali risorse, utili per il ritorno in stazione. Lì, il giocatore potrà potenziare il proprio equipaggiamento e acquistare munizioni. Notevole il level design, lo stile e tutto ciò che forma, tassello dopo tassello, l’opera in questione.

La scrittura è veramente superlativa, per non parlare della meravigliosa colonna sonora che dona al titolo una marcia in più. Note struggenti e di alto impatto quelle che accompagneranno il viaggio di Metro 2033. Dal punto di vista tecnico, parliamo di un gioco di nove anni fa, però il lavoro svolto per la remastered è comunque pregevole. Già all’uscita, comunque, Metro 2033 mostrava le sue potenzialità. Per immergersi totalmente nell’opera basata sul romanzo di Glukhovsky, è presente anche il doppiaggio in lingua originale russa. Il titolo ha un ritmo lento, ma ragionato, e sono sicuro che il meglio debba ancora arrivare.

In attesa del terzo episodio

Non vedo l’ora di giocare Metro Exodus poiché mi ha incuriosito sin dal suo primo reveal. Intanto, però, continuo a godere del capostipite della serie e sono molto curioso di leggere il romanzo per capire quanto abbiano in comune i due prodotti d’intrattenimento. In attesa di Exodus, se là fuori ci sono ancora molti che, come me, non hanno avuto ancora modo di giocare questo piccolo gioiello, mi sento proprio in dovere di consigliarvelo. Se avete una Xbox One e il Game Pass, ancor di più. Dopotutto, è così che l’ho davvero riscoperto, pur possedendo la versione originaria 360.

Per tutti gli altri, che ne pensate di Metro 2033? Vale la pena giocare il seguito? Di quello, ho letto pareri molto discordanti, però una cosa mi ha fatto storcere il naso: la possibilità nella remastered del primo episodio di impostare l’esperienza sulla scia di Metro Last Light, definito come meno survival e più action e ciò non mi ispira per niente.

Metro 2033 Redux - Screenshot 3

Articoli Simili

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi