The Witcher 3 – Provata la versione Switch alla Gamescom

Siamo stati a Colonia in occasione della Gamescom e abbiamo potuto provare con mano The Witcher 3 su Nintendo Switch. Ecco le impressioni che ci ha lasciato

Scritto il 31.08.2019
da Roby Pisani

Lo strigo sta per tornare su console Nintendo

Come ben saprete, una delle saghe più importanti e acclamate di sempre sta per tornare sulla piccola di casa Nintendo e, per l’occasione, abbiamo avuto modo di testare una versione di prova durante la Gamescom 2019. Pluripremiato con oltre 800 riconoscimenti e con oltre 20 milione di copie vendute in tutto il mondo, The Witcher 3 si piazza tra i giochi più riusciti e remunerativo di sempre: CD Projekt Red ha sempre tenuto a cuore il progetto in questione, poiché è stato il titolo che ha spinto la software house polacca al raggiungere le vette preimpostate. Come potrete immaginare, quel salto di qualità è riuscito a permettere alla software house di sviluppare il terzo capitolo della saga anche su Nintedo Switch.

The Witcher 3

Annunciato durante un Nintendo Direct all’E3 alcuni mesi fa, The Witcher 3 sull’ibrida di casa Nintendo ha sin da subito lasciato alcuni dubbi sulla qualità del porting che, vi saremo sinceri, ci ha stupito più di quanto possiate immaginare. Ovviamente il titolo arriverà con qualche compromesso, ma il primo contatto ci è risultato più che positivo nonostante le performance della piccola di casa Nintendo: su Nintendo Switch non avremo il massimo della qualità grafica, ma vi assicuriamo che se avete amato il titolo sulle alle piattaforme non potrete fare a meno di una versione portatile mozzafiato.

The Witcher 3 art

Durante la nostra prova abbiamo potuto giocare alla missione del grifone che, ricordiamo, è una delle quest più belle e impegnative mai viste durante la saga di The Witcher: in questa missione la fluidità è alla base di tutto e ci ha meravigliato la qualità e la fluidità vista in questa versione di gioco.  Il titolo è abbastanza ottimizzato e non abbiamo notato grossi cali di frame frate durante la nostra sessione di gioco, anzi possiamo confermare che tutto fila liscio come l’olio: anche durante le scene più impegnative, la console ha reagito perfettamente a tutti i dati da elaborare e a tutte quelle scene e animazioni presenti in questo mastodontico titolo.

Artwork

Graficamente ci sono dei compromessi alquanto importanti ma questo lo abbiamo potuto notare sin dal trailer d’annuncio: gli sviluppatori hanno più volte confermato l’evidente “taglio” di texture e di alcuni file pesanti presenti nel codice di gioco, così da poter “alleggerire” il titolo e renderlo compatibile con Nintendo Switch. Spezziamo una lancia a favore di CD Projekt Red per chi crede che il titolo faccia graficamente “pietà”: nonostante tutti questi compromessi, The Witcher 3 su Switch fa la sua brillante figura, mostrando ancora una volta la bellezza sia del titolo in questione che della piccola di casa Nintendo.

Le musiche del titolo sono e saranno sempre eccellenti, nonostante quest’ultime abbiano ricevuto un trattamento “speciale” da parte della software house polacca: per chi se lo fosse perso, gli sviluppatori hanno dichiarato di aver tagliato la maggior parte dei dati proprio dalle musiche di sottofondo, ripulendo la qualità al minimo necessario. Ma non temete, sarà quasi impossibile accorgersene e non intaccherà in alcun modo l’esperienza di gioco. Una delle cose che non ci ha convinto assolutamente è l’effetto pop-up sin troppo elevato durante le passeggiate con l’intramontabile Rouge: l’effetto è alquanto evidente, alcune texture e aree di gioco si caricheranno poco prima del nostro arrivo e, vi saremo sinceri, può essere fastidioso dopo alcune ore di gioco. Gli sviluppatori hanno promesso che faranno di tutto per risolvere il maggior numero di problemi possibili, garantendo il massimo supporto post lancio.

The Witcher 3 Ciri

Nonostante alcuni compromessi evidenti e dei “tagli” necessari dovuti alla performance della console Nintendo, The Witcher 3 su Switch ci è apparso meraviglioso e pieno di sorprese; capace di dare il massimo anche sul minimo dell’hadware. Gli potremo dare un giudizio completo solo una volta giunto ufficialmente sugli scaffali mondiali, così da poterne testare sia l’efficienza che la qualità: il vasto mondo di The Witcher 3 non si può giudicare dopo poche ore di gameplay, è necessario completare tutta l’opera multimediale per aggiudicargli un giudizio finale. Vi ricordiamo che il lancio su Nintendo Switch è previsto per il prossimo 15 ottobre sia in versione fisica che digitale.

Cosa pensate a riguardo? Acquisterete The Witcher 3 anche (o, perché no, per la prima volta) su Nintendo Switch? Ma, sopratutto, acquisterete la versione fisica limitata o la versione digitale? Continuate a seguirci per non perdervi nessuna novità riguardanti il titolo in questione e sul mondo videoludico.

Seguici sui nostri canali video

social

Articoli Simili

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi