Capcom – Compromessi i dati personali di circa 390.000 persone

Scritto il 12.01.2021
da Andrea Iannone

Un duro colpo per la casa di Megaman, Devil May Cry, Monster Hunter e tanti altri

Capcom in queste ore ha confermato che l’attacco hacker subito qualche mese fa ha permesso agli “assaltatori” di rubare le informazioni personali di 16.415 nella sola Capcom. Questo è il terzo update fornito sin dall’incidente, nel quale la società ha dichiarato che le informazioni di circa 390.000 persone tra clienti, partner e terzi esterni potrebbero essere stati compromessi, aumentando così di 40.000 la stima di invece 350.000 persone elaborata nel precedente comunicato.

Inizialmente, dopo l’attacco hacker avvenuto nel novembre 2020, Capcom aveva comunicato che non vi erano prove sul furto di informazioni legate ai clienti. Solo in una comunicazione successiva, tuttavia, il publisher aveva dichiarato che le informazioni personali di un piccolo numero di impiegati (nomi, indirizzi, dati dei documenti di identità ecc) era stato effettivamente sottratto.

Tale “piccolo numero” è ora arrivato a quota 16.415, tra lavoratori ed ex impiegati.

Capcom ha dichiarato che tra i dati a rischio non vi sono contenute alcune informazioni su carte di credito e transazioni online e che sta offrendo il proprio supporto a coloro che hanno subito ripercussioni dall’attacco hacker. Inoltre, la compagnia ha esplicitato che continuerà a collaborare con le autorità giapponesi e statunitensi al fine di risolvere la questione, nonché di lavorare con una società di sicurezza informatica specializzata, così da consolidare la sicurezza, comprendere meglio l’entità del danno ed evitare ulteriori attacchi di questo tipo.

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi