Nintendo Switch – Previsti possibili ritardi per coronavirus

Scritto il 30.06.2020
da Alessandro Bozzi
Nintendo Switch - Reiterata la possibilità di ritardi per coronavirus

Lo spettro della pandemia incombe nuovamente sul palinsesto videoludico della Grande N

Come aveva anticipato il buon Phil Spencer di Xbox, ritardi e posticipi nella sfera videoludica diventeranno la norma. Sebbene le uscite appena oltre l’orizzonte non subiranno l’influsso della pandemia, sul lungo periodo l’effetto farfalla sortito dal coronavirus potrebbe farsi più evidente. Questa situazione sembra calzare particolarmente a Nintendo Switch.

La Grande N ha recentemente rassicurato il suo bacino di utenza in merito ai giochi non ancora annunciati in arrivo, dopo un Nintendo Direct Mini apertosi menzionando espressamente il COVID-19. Lo stesso Masahiro Sakurai ha presentato l’ultimo personaggio DLC di Super Smash Bros. Ultimate disponibile da oggi, Min Min, direttamente da casa propria.

Ambasciatore non porta pena

A darci la notizia di cui parliamo oggi è il sempre affidabile Robert Sephazon. Il traduttore ha infatti riportato la situazione attuale della Grande N in una lunga serie di post, che tradurremo qui sotto. Il quadro generale è come è stato descritto a più riprese finora: la possibilità di posticipi per le uscite di Nintendo Switch c’è, ma solo se la pandemia dovesse protrarsi.

Il seguente thread è una traduzione interpretativa e generale dell’ottantesimo meeting tra Nintendo e i suoi investitori. Ringrazio @NintenDaan per avere portato questo alla mia attenzione. Per favore, seguite (il thread, ndt) per avere aggiornamenti in merito.

Il presidente di Nintendo [Shuntaro] Furukawa si scusa per la carenza di scorte di Nintendo Switch nell’arco degli ultimi mesi. Dal lancio di Animal Crossing: New Horizons, le scorte sono state un problema per tutti. Quando la domanda è molta, aumentare la produzione può richiedere del tempo.

[Furukawa] prosegue dicendo che il problema di scorte di Nintendo Switch sta venendo preso molto sul serio, e la produzione è già aumentata. Al di là di ulteriori studi di mercato e di ipotesi a riguardo, Nintendo non ha risposte immediate da fornire.

Tutti a casa

Sephazon prosegue parlando nuovamente degli effetti della pandemia sull’operato di Nintendo, nel bene e nel male.

Furukawa aggiunge inoltre che produzione, vendite e sviluppo sono state influenzate dal COVID-19. La produzione di unità è cessata temporaneamente a febbraio a causa dell’effetto sortito dalla pandemia sulle fabbriche cinesi, ma già da marzo si è verificata una rapida ripresa. Le operazioni di business si stabilizzeranno in estate.

Procurarsi i componenti necessari alla produzione è stato per poco un problema a maggio, ma le cose stanno migliorando. A seconda della mansione, alcuni dipendenti di Nintendo potrebbero dover tornare a lavorare in ufficio, ma si stanno implementando gli approcci migliori e più flessibili, compresa la rotazione del personale.

Il direttore e manager esecutivo senior Shinya Takahashi dice che Nintendo ha dovuto affrontare ritardi a causa del COVID-19, ma la cosa non si ripercuoterà sulle uscite in arrivo. In futuro, se la pandemia dovesse protrarsi, potrebbero esserci ritardi nello sviluppo e nelle uscite future.

Takahashi ha anche dichiarato che Jump Rope Challenge è stato creato da dipendenti Nintendo mediante telelavoro. Più di 590 milioni di salti sono stati registrati dal gioco prima del meeting.

Il presidente Furukawa afferma che dopo la cancellazione dell’E3, non ci sono piani per altri eventi che interessano l’industria su larga scala. Nintendo inoltre non intende allestirne uno proprio, ma per ora gli annunci verranno effettuati con altri metodi.

Nintendo reputa molto efficaci i Nintendo Direct, in qualità di metodo per mettere i fan in contatto con i nuovi contenuti. Tuttavia, in futuro potremmo vedere metodi ancora più efficaci, e potrebbero venire considerati quelli migliori per coinvolgere gli appassionati negli annunci delle novità.

Meno cellulari e più Nintendo Switch

Anche la sfera mobile è stata toccata, dandoci un’ulteriore conferma della natura secondaria del business per la Grande N.

Furukawa crede che i titoli mobile siano un metodo efficace per mettere nuovi consumatori in contatto con le IP di Nintendo, e permette la creazione di nuovi account Nintendo ID. Il mondo mobile, però, non rappresenta una parte significativa del business, mentre Nintendo Switch permette di giocare a molti titoli Nintendo.

[Furukawa] Prosegue dicendo che nel corso degli ultimi cinque anni, la relazione di Nintendo con DeNA è diventata più profonda, e lo scopo di raggiungere un pubblico più ampio è stato gradualmente raggiunto.

[Shigeru] Miyamoto dichiara che lo sviluppo di Super Nintendo World (parco a tema, ndr) sta andando bene. Sebbene lo sviluppo sia stato rallentato dal COVID-19, sono state adottate attenzioni maggiori a causa del tempo extra. Starà ad Universal Studios Japan decidere come meglio aprire il parco per la sicurezza degli ospiti.

Il presidente Furukawa si scusa per i problemi causati dai Joy-Con, ma a causa dell’azione legale collettiva negli Stati Uniti si astiene dal commentare ulteriormente nello specifico.

“Raccogli le tue cose, vai sulla riva del fiume, siediti e aspetta…”

Nonostante l’arrivo di una promettente nuova generazione all’orizzonte, Nintendo conta di estendere il ciclo vitale della console ibrida ben oltre i consueti cinque anni che siamo abituati a vedere.

Furukawa asserisce di poter attribuire il successo di Nintendo Switch a due elementi: l’uscita del modello Lite e il fatto di potersi concentrare su una sola piattaforma anziché due insieme (il dualismo partito da Game Boy-Super Nintendo e terminato con 3DS-Wii U, ndr). Il piano è quello di estenderne il ciclo vitale.

Il direttore ed amministratore senior Ko Shioda afferma che Nintendo si concentra sul divertire, e non sulle specifiche tecniche della console. Ha aggiunto [che] il numero di famiglie che giocano insieme con Nintendo Switch riafferma il valore di una console dedicata.

In merito al supporto della rete, Furukawa nota il sovraccarico dei server durante le uscite di rilievo, e i problemi dei clienti con la connessione. Per questo motivo ogni periodo intenso viene, fino a un certo punto, predetto. La cosa è presa molto sul serio.

Ci sono altri elementi più tecnici in questa sessione di domande e risposte, prevalentemente inerenti ai prezzi azionari, ma questo conclude la mia interpretazione del Q&A. Grazie per avermi seguito.

E dopo questo lungo sguardo sul futuro prossimo di Nintendo, ci congediamo anche noi. Voi cosa pensate di quanto è emerso dalla riunione con gli azionisti? Fatecelo sapere qui sotto lasciandoci un vostro commento.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi