Project xCloud: il servizio Game-Streaming firmato Microsoft

Scritto il 09.10.2018
da Matteo Battista
microsoft-project-xcloud-game-streaming

Il Colosso di Redmond ha annunciato il suo servizio di Game-Streaming, Project xCloud, il quale permetterà di videogiocare a tutti i titoli Xbox anche su PC, Smartphone e Tablet

Microsoft, nel corso delle ultime ore, ha tolto il velo dal suo servizio di game-streaming:
soprannominato Project xCloud, è stato progettato, ideato e disegnato per funzionare su console, PC e persino dispositivi mobili (quali smartphone e tablet).
“Scalare e costruire Project xCloud, per noi, è un viaggio pluriennale”, spiega il capo della divisione cloud-gaming del Colosso di Redmond, Kareem Choudhry;
“Inizieremo le prove pubbliche nel 2019 in modo che possiamo imparare e scalare, sempre più, con diversi volumi e posizioni”.

Microsoft, per la realizzazione, ha creato hardware personalizzato per i suoi data-center in modo che i titoli Xbox presenti e futuri siano compatibili con tali servizi; questi giochi saranno trasmessi via streaming ai device sopraelencati e la società ha inoltre testato Project xCloud con i suoi controller wireless (targati Xbox One) collegati sempre a console, dispositivi mobili e PC.
Il Colosso di Redmond ha affermato che i suoi gruppi di ricerca stanno “creando modi per combattere la latenza” tramite tecniche di rete avanzate combinate con codifica e decodifica video: ciò dovrebbe rendere lo streaming di giochi fattibile anche su reti 4G.

Le prove pubbliche di Project xCloud inizieranno il prossimo anno, nel 2019, e questo neo-servizio firmato Microsoft, per i titoli marchiati Xbox, affronterà una variegata concorrenza animata da diversi servizi già esistenti:
i più popolari includono GeForce Now, PlayStation Now, Shadow e Liquid Sky.
Inoltre, questa presentazione del Colosso di Redmond per il suo Project xCloud è arrivata poco dopo che Google ha annunciato il proprio servizio di game-streaming, Project Stream (il quale consentirà ai tester di beneficiare di del vasto Assassin’s Creed Odyssey attraverso il browser Chrome su un laptop o desktop).
Microsoft non sta ancora definendo nitidamente cosa stia facendo -in modo diverso- rispetto la concorrenza, ma sicuramente si scopriranno maggiori dettagli quando le porte per i test pubblici si apriranno nel corso dell’ormai imminente 2019.

FONTE: TheVerge

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi