Diablo – Recensione

Ecco il nostro verdetto sul porting dell'iconico primo capitolo di Diablo disponibile su gog.com

Scritto il 16.03.2019
da Simone S. Marcocchi
Diablo - Recensione

Il primo leggendario Diablo ritorna grazie a GOG

Il 1996 fu un anno particolarmente prolifico – se pensiamo che perle assolute come Metal Slug, Resident Evil, Dead or Alive, Tomb Raider e i Pokémon hanno mosso i loro primi passi proprio nel corso di quell’anno – e Blizzard partorì il titolo diventato l’icona per antonomasia degli hack ‘n slash, ovvero quel Diablo che ha distrutto le dita di tanti videogiocatori sui loro mouse.

Effetto Nostalgia

La bellezza dei filmati in computer grafica, ma ancora di più l’atmosfera delle musiche e dei suoni che creano l’intelaiatura di un palco sopra il quale si muove l’utente, interpretando il proprio eroe di riferimento, sono rimaste immutate negli anni. In tanti, tantissimi, hanno chiesto a Blizzard di riportare alla luce il precursore della saga fantasy che ci ha fatto innamorare di un modo diverso di interpretare i dungeon; meno riflessivi rispetto alle varianti-in-party di Baldur’s Gate e i fratelli di casa BioWare, ma che anch’esso non disdegna un’origine che affonda le proprie radici in quel Dungeons and Dragons che ancora oggi campeggia in tante case.

Diablo - Screenshot

Per quanto la stessa Activision-Blizzard abbia scelto di abbracciare la richiesta degli utenti di riportare in vita i propri tesori del passato in versione rivista-e-corretta – come nel caso di StarCraft, ma anche di WarCraft Reforged, di prossima uscita –, in questo caso la software tanto gelosa delle proprie creature – tanto che difficilmente lascia entrare in casa propria degli “estranei” –, come segno di apertura e di modernità, si è lasciata convincere dai creatori delle avventure digitali di The Witcher a portare a galla, ancora una volta, alcuni dei propri brand storici.

Gog.com è ormai molto più di un semplice launcher che fa del proprio acronimo la sua politica (leggasi Good Old Games), ovvero portare in vita videogame amati e mai dimenticati, resi compatibili con i sistemi operativi moderni, mantenendo inalterato lo spirito degli originali prodotti, mostrandoli così come sono stati pensati, ma è diventato nel tempo una vera e propria teca di digitale e ancestrale memoria, per mantenere inalterato il ricordo dei media preferiti di chi ha qualche anno sulle spalle. Questa è quindi la sede appropriata per il ritorno in grande stile di Diablo, in completa collaborazione con Activision-Blizzard, che permette agli utenti di tornare ad esplorare i dungeon al di sotto della cattedrale di Tristram, ma nella pratica come si è comportato il gioco?

Pixel I Love You

Al prezzo di un cocktail – ovvero 8,99€… forse un po’ troppi?! – avrete a disposizione su Windows 10 – in futuro è da immaginarsi anche Mac – tutta la bellezza e la fluidità di ben 20 fotogrammi al secondo con grafica SVGA, anche se il lavoro di ottimizzazione permette a qualunque monitor e a qualunque risoluzione (refresh vari compresi) di adattare le caratteristiche tecniche dei vari display al capolavoro del ’96. Nella nostra prova il titolo si è dimostrato in grado di farci rivivere le atmosfere del tempo, con tutti i limiti e le peculiarità di un gioco a metà strada tra ciò che è ancora convincente, in termini di gameplay e in parte vecchio proprio per le meccaniche intrinseche.

Diablo screenshot

Guerriero, ladro o stregone?

Tre personaggi e una decina di ore di gameplay permettono a chiunque di capire quanta distanza ci sia anche solo dal fratello maggiore Diablo 2 e quanto quest’ultimo abbia eclissato il primo capitolo per quantità, qualità e in parte immortalità dei contenuti e per questo la cifra che si chiederà per l’esborso è forse più giustificata per l’effetto nostalgia, che nemmeno per il prodotto in sé. La precisione del puntatore del vostro mouse resta assolutamente inalterata, anche se mantenete in finestra il gioco, l’audio compie più che degnamente il proprio lavoro e non ho subito alcun tipo di crash durante la partita, considerando che ho iniziato la mia avventura già dalla prima ora.

Nel mio specifico caso ammetto che le ore davanti a Diablo, nella prova su strada, sono trascorse più rapidamente e inconsapevolmente numerose, prima di fermarmi, di quanto mi aspettassi, stupendomi di quanto ancora pochi pixel riescano ad emozionare, nonostante il tempo trascorso. Per chi poi volesse attraversare le lande oscure e maledette in compagnia degli amici, gli basterà sfruttare battle.net per gettarsi nella mischia e sbaragliare le ondate di scheletri e mostri, ricavando oro e loot dalle varie amenità e dovendo ancora una volta gestire il ridottissimo inventario e le miserrime impostazioni di upgrade del personaggio.

Ora aspettiamo l’arrivo di Warcraft: Orcs and Humans e Warcraft II, già annunciati, e che dovrebbero uscire prossimamente su gog.com presumibilmente come porting simili a quelli di Diablo. Sarà giustificato anche il loro acquisto?

Diablo screenshot 2

Valutazione di TopGamer
Questo è un pezzo di storia, riproposto sul mercato con un porting che vale sicuramente la pena di essere preso in considerazione, anche se il prezzo non è sicuramente aggressivo per un titolo che ha oltre vent'anni di vita e per il quale si è scelto di non operare alcun tipo di operazione di svecchiamento. Per quanto il gameplay sia rimasto inalterato e ancora più che valido, nonostante il peso dei lustri schiacci l'opera da ogni direzione; l'effetto "wow" scema abbastanza rapidamente, ma è certo che è difficile non immaginare di avere in libreria il re degli hack 'n slash.
PRO
  • Effetti sonori e musiche epiche ora come allora
  • Porting "pulito" e ottimizzato per tutti i monitor di oggi
  • Atmosfera innegabilmente inalterata
  • Anche in multiplayer funziona alla grande
CONTRO
  • Il prezzo è "nì"
  • Poco interessante ai non affetti dalla nostalgia
  • Avrebbe potuto essere più remaster o addirittura remake
7.5/10
VOTAZIONE
Valutazione lettori
5,00/5
1 voti
Vota tu
1 vote, average: 5,00 out of 51 vote, average: 5,00 out of 51 vote, average: 5,00 out of 51 vote, average: 5,00 out of 51 vote, average: 5,00 out of 5
Loading...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi