Fates: 8 Stories – Recensione

Un J-RPG tutto italiano realizzato da Horizon Psytech & Games

Scritto il 19.02.2019
da Enrico Vanni
Fates: 8 Stories - Recensione

Richiamo ai vecchi J-RPG degli anni ’90

Cosa possiamo dire di Fates: 8 Stories? Un titolo coraggioso, perché cerca di portare sotto gli occhi del giocatore un tipo di gameplay ormai datato, che resiste ancora su pochi titoli come Dragon Quest e pochi altri. Il gioco è stato sviluppato da un solo ragazzo, Gabriele Barone,  fondatore e responsabile di Horizon Psytech & Games. Lo stile retro ispirato ai primi tre Final Fantasy si fa molto sentire, con combattimenti a turni e la schermata che mostra in 2D su un lato il giocatore e sull’altro il team di mostri da battere.

 

Per lo sviluppo del titolo è stato utilizzato RPG Maker, celebre editor per creare giochi di ruolo su PC. Gli sprite, i modelli degli NPC e mostri sono comunque notevoli. Stessa cosa si può dire anche per le texture di gioco. Una nota negativa per la colonna sonora che alle lunghe risulta noiosa e monotona.

Il potere di quattro elementi è il tema principale della trama, con un preludio al gioco completo dato da una breve storia che ci mostra le meccaniche di gameplay. Al termine è possibile passare all’avventura vera e propria, scegliendo un personaggio predefinito in base ai quattro elementi: Terra, Fuoco, Aria e Acqua, che andremo a scegliere. Manca la totale personalizzazione, potendo solo selezionare il sesso e l’elemento di appartenenza.

Fates: 8 Stories - Screenshot

 

Quattro elementi, otto storie differenti

Nonostante sia un RPG vecchio stampo, Fates: 8 Stories offre un ampia esplorazione del mondo circostante, anche se non si parla di un open world puro. Sicuramente, le cose da fare sono molte, per la natura del titolo, fornendo al giocatore diversi interrogativi sul background dei personaggi principali e dei vari alleati. Tuttavia, troppo spesso, alcuni elementi vengono lasciati al caso e permangono quindi molti interrogativi nella mente del giocatore. Tutto sommato, parliamo di un’opera sviluppata da una singola persona, pertanto su alcune lacune possiamo anche chiudere un occhio.

La cosa sul quale invece abbiamo cozzato è la piattezza generale del gioco, anche se nelle fasi finali la cosa si fa un po’ più interessante. Si tratta comunque di un titolo che dura una decina d’ore, in base alle abilità del giocatore. È pure possibile rigiocarlo, grazie alle otto storie che lo compongono, garantendo una certa continuità e l’implemento delle ore totali per completare l’avventura da più punti di vista.

Un altro fattore importante del titolo è il dover implementare le abilità dei personaggi e scegliere con attenzione le tattiche prima di avventurarci all’interno dei dungeon, poiché, una strategia errata o il sottovalutare certe situazioni non perdonano, portando inevitabilmente al game over. L’empatia col personaggio è uno degli elementi chiavi del titolo, che nella sua semplicità, riesce lo stesso a immedesimarci nelle vesti dell’eroe.

Questo titolo riuscirà a darci emozioni? La risposta è, molto probabilmente, sì, poiché comunque si denota la voglia, da parte dello sviluppatore, di creare un prodotto di qualità, cercando di concentrarsi su quegli elementi tipici dei giochi di ruolo, che sono la caratterizzazione dei personaggi, l’intreccio della trama e i momenti salienti, con colpi di scena e romanticismo. Essendo ovviamente un gioco che graficamente tende al retro, anche l’immaginazione del giocatore fa parte del gioco, cercando di immedesimarsi nel corpo del protagonista.

Nel complesso, Fates: 8 Stories è un buon lavoro, forse scarno di alcuni elementi e contenuti, ma partorito e sviluppato da un singolo individuo, cosa non da poco. Il nostro marcare questo elemento, vuol far sì, che ci sia una continuità di lavoro da parte di esso, per la creazione di progetti di maggior entità e spessore. Roma non è stata fatta in un giorno, e speriamo che la voglia di cimentarsi nelle sfide aiuti Gabriele Barone a sviluppare prodotti sempre migliori.

Fates: 8 Stories Battle RPG Maker

Valutazione di TopGamer
Fates: 8 Stories è un RPG vecchio stampo, che ricalca molto lo stile visto nei primi capitoli di Final Fantasy, Dragon Quest e Phantasy Star. Nonostante sia un gioco molto piatto dal punto di vista della narrazione, va detto che tutto il lavoro è il risultato dello sforzo di una sola persona. Questo fattore è molto lodevole.
PRO
  • Aspetto grafico degno degli RPG dei primi anni '90
  • Modelli dei personaggi molto buoni
CONTRO
  • Colonna sonora piatta
  • Ritmo della narrazione poco avvincente
7/10
VOTAZIONE
Valutazione lettori
5,00/5
1 voti
Vota tu
1 vote, average: 5,00 out of 51 vote, average: 5,00 out of 51 vote, average: 5,00 out of 51 vote, average: 5,00 out of 51 vote, average: 5,00 out of 5
Loading...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi