Recensione – For Honor

Titolo: For Honor Piattaforme: PC, PS4, Xbox One Genere: Azione Sviluppatore: Ubisoft Montreal Data uscita: 14 febbraio 2017 Introduzione: For Honor, il titolo Ubisoft basato sul combattimento con le armi bianche non è certo una di quelle produzioni in grado di restituire feeling immediato al player, piuttosto punta su una curva d’apprendimento lenta e progressiva, […]

Scritto il 24.03.2017
da 6@dmin

Titolo: For Honor
Piattaforme: PC, PS4, Xbox One
Genere: Azione
Sviluppatore: Ubisoft Montreal
Data uscita: 14 febbraio 2017

Introduzione:
For Honor, il titolo Ubisoft basato sul combattimento con le armi bianche non è certo una di quelle produzioni in grado di restituire feeling immediato al player, piuttosto punta su una curva d’apprendimento lenta e progressiva, in grado però di regalare molte soddisfazioni una volta dominata.
Single Player:
La campagna di For Honor fin da subito aveva suscitato interesse da parte dell’utenza, poiché si cercava di capire se sarebbero riusciti a soddisfare anche quei giocatori che non amano il multiplayer.
Iniziamo con il dire che la campagna può essere giocata in solitaria oppure in co-op. Avremo la possibilità di impersonare le parti di tutte e tre le fazioni, in ordine: Cavalieri, Vichinghi e Samurai.
La Trama di gioco è incentrata principalmente sul tentativo della spietata Apollyon di creare caos e distruzione al fine di condurre le diverse civiltà all’Età dei Lupi.
La narrazione non è particolarmente coinvolgente, forse il principale difetto di questa modalità, oltre alla scarsa durata (6 ore) dove troveremo poche cutscene coinvolgenti.

Multiplayer:
Il punto di forza di questo titolo è senza dubbio il multiplayer; il primo punto positivo è il roster di personaggi, ben caratterizzati e diversificati fra loro, con varie modalità dove poterli usare.
For Honor ci mette di fronte quattro diverse tipologie di personaggi, uno per fazione, queste classi si dividono in: Avanguardia, Pesanti, Assassini e Ibridi.
Ognuno di questi personaggi, ricordiamo uno per fazione, per ogni classe avrà un suo move-set personale creando varietà nel gameplay.
Le modalità offerte dal gioco sono 5, che si dividono in: 1v1Duello, 2v2Mischia, 4v4Dominio, 4v4Eliminazione e 4v4Schermaglia.
Oltre alle modalità elencate sopra, abbiamo dei contratti che avranno dei requisiti per essere portati a termine, una volta completati ci daranno “metallo”, ovvero la moneta di gioco, ed esperienza.
Nella modalità “1v1Duello” molte volte ci ritroveremo a dover studiare il nostro avversario per capire quale sarà il momento più opportuno per sfoderare il colpo più pericoloso del nostro repertorio, questo non avviene nelle modalità dove saremo affiancati da uno o più altri giocatori al nostro fianco, poiché molte volte si andranno a creare situazioni di vantaggio e svantaggio numerico che spesso saranno fatali.
Il Matchmaking in questo caso non viene in aiuto ai giocatori, non essendo in grado di creare istanze di gioco equilibrate sotto il punto di vista di abilità di ogni singolo giocatore. Per non parlare degli sporadici errori di connessione ereditati dalla beta, che spezzano il ritmo di gioco. Molte volte questi errori sono dovuti a giocatori che lasciano la stanza per non far registrare la sconfitta della partita, e purtroppo quest’atteggiamento non avrà nessun tipo di sanzione da parte del gioco.
I crash durante il multiplayer spesso sono dovuti alla scelta di utilizzare un sistema P2P(peer-to-peer), fattore che purtroppo mina in modo netto l’esperienza di gioco.
 
Gameplay:
Graficamente si presenta come un vero e proprio titolo per next-gen, ma la sua vera forza viene dal combat-system: parate, attacchi, schivate, spezza guardie e deviazioni.
Durante il progresso nella campagna, sbloccheremo delle abilità passive e attive per il nostro eroe; esse incideranno pesantemente sul gameplay, creando uno sbilanciamento fra il giocatore e i nemici controllati dalla IA, disparità incorreggibile neanche alzando la difficoltà di gioco.
Progredendo nel multiplayer sbloccheremo delle abilità, anch’esse passive e attive, che però non incideranno più di tanto nel gameplay.
L’unica abilita che possa stravolgere a favore (o sfavore) uno scontro è la modalità “Vedetta”, che potrà essere attivata dopo aver effettuato un certo numero di parate.Tale modalità ha una durata limitata, che ci conferirà dei bonus in attacco e stamina dandoci anche uno scudo pari alla vita che abbiamo in quel momento.
Un altro fattore che può stravolgere il gameplay, nel multiplayer, sono le micro-transazioni, che permettono di sbloccare tutte le abilità già dal primo livello di un qualsiasi personaggio si voglia.

Considerazioni:
Il gioco presenta una modalità single player molto deludente, mi sembrava di vivere un gigantesco tutorial ripetuto per introdurre la vera e propria modalità principale del titolo, ovvero il multiplayer.
Quest’ultima è una delle esperienze più belle, innovative e appaganti che ho provato negli ultimi anni, ma purtroppo viene rovinata dai server molto instabili.


-Xanthe-

Valutazione lettori
0,00/5
0 voti
Vota tu
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi