[Recensione] World of Final Fantasy

E3 2015, Square Enix si appresta ad annunciare “World of Final Fantasy”, spin-off di una delle saghe più famose e importanti del mondo videoludico, uscirà poi nel 25 Ottobre 2016 su Playstation 4 e PS vita, non ha ottenuto ovviamente il successo di vendite degno di un “Final Fantasy”. Puntando ad un pubblico più giovane, […]

Scritto il 15.02.2017
da Antonio Facchini

E3 2015, Square Enix si appresta ad annunciare “World of Final Fantasy”, spin-off di una delle saghe più famose e importanti del mondo videoludico, uscirà poi nel 25 Ottobre 2016 su Playstation 4 e PS vita, non ha ottenuto ovviamente il successo di vendite degno di un “Final Fantasy”. Puntando ad un pubblico più giovane, questo titolo però mostra del potenziale, sia come trama sia come gameplay mantenendo quella tradizione del JRPG aggiungendo qualche novità, in questa nuova avventura tutti i personaggi più celebri della saga saranno riuniti.

Trama e personaggi

Lann e Reynn, fratello e sorella si risvegliano sotto il sole, in preda ad un attacco d’amnesia: infatti i due non ricordano più niente del loro passato eccetto il loro legame, che li rende fortemente uniti. Per recuperare i ricordi perduti, saranno guidati da una donna, Enna Kros, e da un folletto dalle sembianze canine, Tama, il quale accompagnerà i due protagonisti in un lungo viaggio per tornare a Grymoire, la loro casa. Purtroppo però, sul loro cammino troveranno un ostacolo, ovvero l’esercito di Bahamut governato da Brandelis, un re potente che brama il caos nel mondo. I due giovani ragazzi verranno a conoscenza dei mirage: esseri speciali che potranno supportare le battaglie contro il nemico, fornendo dei poteri speciali. Inoltre saranno aiutati dalle icone della saga principale, come Cloud Strife, Lightining, Vivi e Terra, faranno la loro comparsa anche gli dei siderei. La trama non spicca certamente di originalità, così come i dialoghi che per certi versi sono comici(comicità esaltate dalle tipiche espressioni degli anime giapponesi) ma troppo lunghi e fortunatamente per nulla scurrili. I personaggi vengono rappresentati in una forma Chibi, ovvero una versione piccola rispetto a quella originale del modello.

Gameplay

-Combat System

Come da tradizione, il combat system si basa sui turni, in cui potremo prepararci per sferrare l’offensiva contro i nemici, si potranno utilizzare gli oggetti, abilità speciali come alcuni seed, le classiche magie e le medaglie dei campioni e i mirage XL. Inoltre si potrà accelerare lo scontro tenendo premuto il tasto R1 del pad, accorciando così la durata degli scontri. Durante il corso del gioco visiteremo vari dungeon, dove albergano nemici da affrontare che ostacoleranno il cammino, saranno presenti delle aree segrete in cui potremo affrontare dei mirage segreti. Inoltre, esplorando accuratamente, sarà possibile trovare degli scrigni da cui potremo ottenere oggetti utili durante i combattimenti.

-Reynn e Lann

 I due protagonisti, oltre a poter salire di livello, potranno ricevere dei potenziamenti nelle statistiche e alcuni seed, ottenendo così delle magie specifiche (es. il Firaga). Essi potranno essere utilizzati in una forma normale oppure chibi, modificando così la predisposizione del party. 

-Mirage

I mirage, si potranno catturare durante gli scontri, indebolendoli, intorno a loro apparirà un’aura che a seconda della sua intensità determinerà la difficoltà di cattura col prisma, un cubo che una volta lanciato verso il bersaglio lo imprigionerà, e sarà possibile così immagazzinarlo oppure portarlo con noi durante il viaggio. I mirage si dividono in quattro classi: S, M, L, XL, queste lettere indicano le dimensioni della creatura ma soprattutto lo slot che andrà ad occupare nella formazione del party. Essi potranno aumentare il proprio livello ottenendo esperienza durante i combattimenti, ottenendo così dei punti abilità che saranno utilizzati per sbloccare potenziamenti e mosse speciali, come il “Fira” per il behemoth. I nostri compagni d’avventura potranno evolversi una volta potenziato tutto l’albero abilità della suddetta creatura cambiando nella forma e  classe. Invece, i mirage di classe XL, sono delle creature singolari che, arrivati allo stadio finale dell’evoluzione (es. il Cerberus che è l’evoluzione finale del nakk) non faranno parte del party ma bensì potranno essere evocati, spendendo un certo numero di PM. Essi avranno proprie abilità e statistiche che potranno tornare utili ai fini della battaglia. 

-Medaglie dei campioni

Queste medaglie, sono oggetti speciali ed unici, ottenibili presso la “Sala da tè della ragazza” in cambio delle “Arma gems”, potranno evocare gli eroi della saga “Final Fantasy” a costo di massimo 3 stelle ( che si potranno ottenere riempendo la sfera durante le battaglie, presente nell’HUD in basso a sinistra), essi ci aiuteranno durante la battaglia utilizzando le loro abilità peculiari, infliggendo così dei danni ingenti, inoltre ci doneranno dei bonus passivi per affrontare al meglio la battaglia. 

Longevità

Il gioco presenta una buona longevità, una durata di circa 40 ore più delle ore di backtracking. Oltre alla main quest, ci saranno delle missioni secondarie per garantire una durata maggiore, come gli interventi che potranno essere rigiocati, e le quest legate ai cittadini di alcune città. Oltre alle quest secondarie, vi sarà il colosseo, dove potremo affrontare dei mirage speciali ottenendo oggetti più potenti. Vi saranno anche alcuni minigiochi che si sbloccheranno col proseguire della storia principale. 

Grafica

Questo titolo non presenta una grafica eccezionale ma neanche scadente, anzi ci regalerà qualche soddisfazione in alcuni dungeon che hanno dei colori molto vivi, mentre le texture in alcuni punti lasciano a desiderare. Per fortuna possiamo godere di alcune cutscene animate in punti focali della trama con dei buoni disegni.

Considerazioni personali

Questo titolo personalmente mi ha regalato delle piccole ma buone soddisfazioni, il sistema di combattimento non è per niente noioso come potrebbe sembrare per molti videogiocatori. Consiglio personalmente di acquistarlo, per dargli la chance che merita, anche perché il gioco è molto sottovalutato per via del target a cui punta, con dei dialoghi adatti ad un pubblico minore ma con una trama che potrebbe interessare anche i giocatori veterani, non sottovaluterei questo aspetto. Il titolo punta ad unire fan e non della saga, così come lo è stato un “Final Fantasy XV” col drastico cambiamento abbandonando per certi versi la tradizione della saga. World of Final Fantasy però mantiene gli antichi valori del brand portando sotto la sua ala protettiva i fan più sfegatati con un enorme fanservice contenuto nel gioco, attirando anche i videogiocatori più giovani proponendo uno stile molto “Cartoon” dei personaggi, inclusi i dialoghi, anche se si riveleranno pesanti spezzando il ritmo di gioco in un modo non indifferente, per fortuna, ogni dialogo sarà possibile saltarlo, sacrificando così buona parte della trama. Consiglio di utilizzare quest’opzione per le missioni secondarie, che riservano alcuni dialoghi inutili ai fini della storia e passare direttamente al combattimento. Uno dei punti di forza di questo videogioco è la longevità, che riserva parecchi contenuti, la possibilità di rigiocare gli interventi per farmare punti esperienza, che consiglio vivamente per affrontare al meglio il gioco. Non consiglio questo videogioco solamente ai nuovi fan come me, bensì anche a quelli di vecchia data che proveranno una forte nostalgia rivedendo quelli che una volta erano gli eroi della propria infanzia.

Gioco testato su Playstation 4.

-Yaiba12

Valutazione lettori
0,00/5
0 voti
Vota tu
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi