Root Double Before Crime*After Days Xtend Edition – Recensione

La versione Switch di questa popolare visual novel è stata finalmente pubblicata. Quali fattori ne hanno determinato il successo?

Scritto il 02.12.2020
da Francesco Generali
Root Double

Root Double: Introduzione

Root Double: Before Crime*After Days è una Visual Novel sviluppata dallo studio giapponese Regista e pubblicata in Giappone da Yeti per Xbox 360 nel 2012 (pochi mesi dopo uscì il porting su PC).
A seguito dell’ottimo responso del pubblico, venne pubblicata su PS3 (2013) e PS Vita (2014) la Xtend Edition. Questa edizione conteneva nuovi CGs (le immagini dietro al testo, per chi non fosse avvezzo con il genere), due nuovi finali ed alcuni bilanciamenti di gameplay (sì, suona strano per una visual novel, ma a breve spiegheremo tutto).

Nel 2016 Sekai, celebre studio di localizzazione di visual novel, ha preso in carico la localizzazione inglese del gioco e di conseguenza la sua pubblicazione fuori dal Giappone. La versione inglese della Xtend nominata prima è stata infatti rilasciata per PC (2016) e per PS Vita (2018), ed infine è giunta tra le nostre mani la versione per Nintendo Switch (26 Novembre 2020).

Root Double

Meccaniche e Gameplay

Le vincende di Root Double si svolgono nel settembre del 2030, all’interno di un enorme centro di ricerca nucleare. Il quale, come quasi tutti i centri nucleari presenti in film/serie/libri, ha un problema che causa una forte esplosione. Da questo incipit comune potremo scegliere quale route seguire tra After, con il punto di vista del capitano della squadra di soccorso Watase Kasagi, oppure Before, con il punto di vista dello studente Natsuhiko Tenkawa, rimasto intrappolato.

In ogni caso, un crollo del reattore manda la struttura in blocco intrappolando anche la squadra di soccorso al suo interno. La struttura viene contaminata dalle radiazioni e per sopravvivere i personaggi devono affidarsi ad appositi farmaci, disponibili tuttavia in quantità estremamente limitate, considerando le ore che dovranno passare nel centro di ricerca.

Root Double

Il Senses Symphathy System

Ciò che caratterizza Root Double a livello di gameplay è il Senses Symphathy System (abbreviato: SSS).  Questo SSS sostituisce di fatto il classico sistema a scelte. In pratica offre la possibilità di modificare la propria empatia nei confronti dei vari personaggi (compreso il protagonista) durante un dibattito o, in generale, una situazione particolare. In base all’importanza della situazione, i rami dell’enneagramma si colorano di blu (scelte meno impattanti), giallo (influenza netta sulla storia), rosso (pericolo di morte). In caso di morte a seguito di una scelta “errata”, il gioco fornisce un suggerimento per aiutare a evitarla. Sappiate però, che senza seguire una guida è davvero difficile sopravvivere.

La longevità è molto buona, circa 40 ore, molte di più se vorrete esplorare ogni scenario. Lo stile grafico, seppur molto classico, è di ottimo livello. Al contrario, il comparto sonoro è buono, ma non eccelso. Le musiche riescono ad immergere nell’atmosfera, ma non ho trovato tracce così memorabili da invogliarmi a ricercarle.

L’inglese utilizzato non è mai particolarmente complesso (c’è addirittura un vocabolario interno per i termini tecnici, che siano reali o meno). Lo sconsiglio solo se leggere in inglese vi risulta davvero pesante.

Root Double

Il pensiero dell’autore: Francesco

Se trovate l’incipit interessante, sappiate che lo svolgimento lo è ancora di più. Per la route After, in particolare, lo studio di progettazione del pacing ha dato i suoi frutti, rendendo davvero difficile staccarsi dallo schermo. La route Before inserisce diversi momenti Slice of Life, dei quali alcuni giocatori potrebbero fare volentieri a meno. Si tratta a mio parere della route più debole del gioco ma, non fraintendetemi, parliamo comunque di una scrittura di ottimo livello. Le route conclusive, C/D (capisco che per chi non ha mai letto una VN la loro esistenza possa risultare uno “spoiler”, ma sappiate che è una costante del genere e quindi è giusto parlarne) riprendono in parte il ritmo di After. La grossa quantità di backstory consecutive, tuttavia, a tratti appesantisce la narrazione. In conclusione, come avrete capito, ho trovato la route After la migliore del lotto.

Parlando della meccanica SSS, inizialmente non l’ho trovata particolarmente intuitiva. Tuttavia, superato l’impatto iniziale l’ho ritenuta una buona alternativa al classico sistema a scelte, decisamente più profondo (anche se non quanto vorrebbe far credere) e più intrigante da esplorare.

Valutazione di TopGamer
Root Double è indubbiamente un prodotto molto interessante e ben riuscito. Non a caso, si tratta di un'opera molto conosciuta tra gli appassionati. La lettura è assolutamente consigliata, in particolare grazie alla portatilità offerta da Switch.
PRO
  • Trama coinvolgente
  • Personaggi ben scritti
  • Gameplay originale (SSS)
CONTRO
  • Route After più riuscita delle altre
8.5/10
VOTAZIONE
Valutazione lettori
0,00/5
0 voti
Vota tu
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi