Synthetik – Recensione

Synthetik si è aggiornato con l'espansione Legion Rising. Ecco le nostre impressioni a riguardo.

Scritto il 03.10.2018
da Carlo "Mad_Sound" Apuzzo
Synthetik - Recensione

Una piacevole scoperta

Non mi definisco un grande amante di giochi per PC, sebbene la mia natura da gamer fondi le sue radici proprio su questa piattaforma. Abbandonato il mondo mouse e tastiera per passare su console, mi piacere aggirarmi tra i meandri di Steam alla ricerca di titoli nuovi e dalle buone potenzialità. Quando ho iniziato ad occuparmi di Synthetik avevo una vaga idea di quello che potevo aspettarmi: il mercato indie è in forte sviluppo e la probabilità di mettere le mani su un prodotto dalle buone potenzialità erano le stesse di quelle che  avrei messo su un risultato mediocre. Ma quello che è risultato certo è che non immaginavo che fosse così carico di personalizzazioni, livelli hardcore ed un gameplay variegato che offre fin da subito una buona dose di adrenalina e divertimento.

Synthetik Screenshot 1

Punta, clicca e boom!

Synthetik (sito ufficiale) è un progetto che trova vita nelle menti di Flow Fire Games e che mette le sue basi su un semplice quanto sofisticato sistema di gunplay che, trasportato nelle mani di chi gioca, si traduce in uno shooter molto easy anche per chi, come me, non familiarizza mai quanto basta con il mouse, ma al tempo stesso è in grado di divertire e spingere il giocatore verso livelli sempre più competitivi.

Grazie alla recente espansione Legion Rising, in arrivo quest’oggi, Synthetik darà la possibilità di scegliere tra ben quattro classi di combattimento che si suddivideranno a loro volta in due sottocategorie. Ciascuna classe indica una determinata specialità che sfrutterà a suo vantaggio specifiche abilità, ben definite e decisamente diverse sul campo: adattare il proprio stile di gioco in base alla classe non è un dettaglio da sottovalutare.

Aggiunti, inoltre: nuove armi, nuovi nemici e boss di fine livello, migliorie per l’esperienza di gioco, nuove musiche e, non meno importante, l’introduzione della lingua italiana, che miscelate tutte assieme, offrono al giocatore una solida base sulla quale rivolgere il proprio interesse.

Durante la sessione di combattimento, Synthetik pone davanti al giocatore un crescente livello di difficoltà, scandito non soltanto dal numero di nemici e dalla loro forza, ma anche da una rapidità di movimento che non deve assolutamente mancare in voi: sparare e schivare non basterà a pararvi le spalle perché a rovinare la festa ci sarà un continuo ricaricare dell’arma, frutto di una folta schiera di nemici. L’adrenalina è un elemento che non si fa di certo attendere nel gioco. Saperla gestire sarà un imperativo d’obbligo che vi darà ragione sui nemici.

Synthetik Screenshot 2

Territori da scoprire

Sebbene Synthetik sia carente di una vera e propria campagna che a mio avviso non dovrebbe mai mancare in un titolo di qualsiasi natura, anche a costo di portare una storia breve ma con un filo logico da seguire, il titolo trasporta facilmente il giocatore nel vivo dell’azione, in una miscela di livelli random che ad un primo sguardo sembrano uguali tra loro, ma che in realtà si differenziano per coperture e vie di fuga.

Nell’ambiente futuristico che percorreremo ci saranno casse di armi, potenziamenti e collezionabili da raccogliere. Ma non è tutto: in-game sono disponibili dei totem che oltre a darvi la possibilità di acquistare boost attraverso dei crediti di gioco, vi proporranno delle quest secondarie al termine delle quali riceverete delle laute ricompense.

Le dinamiche sono pressoché uguali, così come l’obbiettivo da raggiungere: ogni livello, terminati 2-3 scenari, vi presenterà un boss finale che, per ovvie ragioni, non sarà per niente facile da abbattere.

Durante la nostra avanscoperta non saremo mai soli; ad accompagnarci nei territori più angusti ci sarà un fidato alleato drone, in stile Spettro di Destiny, che assumerà tutt’altro che un ruolo passivo nelle meccaniche di gioco. Anzi, spesso sarà proprio lui ad avviare l’attacco, anticipando ogni plausibile attesa tattica che abbiate in mente. Nulla a che dire, data la natura prettamente offensiva del gioco, la quale offre pochi attimi dove poter valutare un ipotetico attacco.

Synthetik Screenshot 3

Il sistema di mira

A vederlo così, dalla semplice grafica e dalla struttura ambientale non troppo complessa, Synthetik sembra mostrare il fianco in un universo videoludico dove generi di questo tipo potrebbero faticare per la sopravvivenza. Ma capirete dopo poco che sarete solo stati tratti in inganno: il team ha studiato un preciso e sofisticato sistema di mira e di punteggio che non permette assolutamente un traiettoria stabile e costante nel tempo.

La precisione con la quale centrerete i nemici non sarà dettata solo dalla vostra bravura di tenere la mano ferma sul mouse, ma anche da altri due fattori. Il primo è quello di valutare bene dove indirizzare i proiettili, poiché colpire in un punto piuttosto che in un altro darà un feedback di danni completamente diverso a seconda della zona centrata, tant’è vero che gli sviluppatori hanno inserito la possibilità di uccidere i nemici anche con un headshot che vi assegnerà un maggior punteggio per l’avanzamento del livello del vostro personaggio; il secondo è la capacità di fermarsi nel momento in cui si spara, ovvero maggiore sarà il movimento durante la mira, più consistenti saranno le probabilità che il vostro colpo non vada a segno o, nella migliore delle ipotesi, che questo ferisca lievemente il vostro aggressore. Le distanze tra voi ed i nemici completeranno lo scenario appena descritto, infliggendo una dispersione di colpi sulle lunghe distanze.

Vien da sé immaginare che, a conti fatti, valutare per intero l’ambiente di combattimento, scrutando prima i nemici, la loro classe e la modalità di ingaggio non è poi così scontato e che una fuga o un riparo non saranno sinonimi di salvezza, a patto che le vostre dita non siano più veloci dei proiettili che vi spareranno.

Ciascun personaggio potrà equipaggiare diverse armi che saranno molto diverse fra loro; tali armi, come citato sopra, saranno raccoglibili durante il gioco attraverso delle comuni casse che, attenzione, si diversificheranno per il colore. Infatti, all’interno del gioco sono state inserite armi comuni e leggendarie, con caratteristiche di fuoco nettamente superiori. Inoltre, grazie al sistema di avanzamento e ai vari collezionabili sparsi per la mappa, si potranno sbloccare diverse armi principali con le quali iniziare la missione.

Synthetik Screenshot 4

Potenzialità da migliorare

Synthetik offre diversi spunti sui quali lavorare che potrebbero accrescere di non poco l’esperienza videoludica. Partendo dal buon sistema di classi egregiamente diversificate tra loro, dalla possibilità di accrescere il livello di difficoltà per gli amanti dell’hardcore, fino ad arrivare ad un buon sistema a punti di avanzamento che permette di potenziare armi, personaggio ed abilità, Sinthetik affonda i piedi nella totale assenza di una campagna che accrescerebbe l’attenzione del giocatore, evitando così di passare per livelli randomici che spezzano l’interesse nell’avanzare di grado.

A seguire, mio malgrado, il gioco non offre alcuna possibilità di iterazione con l’ambiente circostante che ai giorni nostri è un elemento quasi ordinario per tutti quei titoli che amano inserirsi nella categoria degli shooter, di qualsiasi natura essi siano. La molteplicità di nemici con la quale siamo assaliti nelle fasi più concitate del gioco, troverebbe maggiore contezza nel permettere, a chi gioca, di avvalersi di un asso nella manica attraverso il quale non solo sconfiggere più facilmente le orde di nemici, ma creare a sua volta una coreografia di esplosioni che per nulla sarebbe disprezzata dalla nostra vista.

Per quanto concerne l’avanzamento nei livelli, sappiate che Synthetik  non offre alcun checkpoint o possibilità di salvataggio che potrebbe scoraggiare chi non è propriamente portato alla sfida, ma questa caratteristica fa comunque parte del genere rogue-lite.

Purtroppo il multiplayer vanta ancora una totale assenza di giocatori, dovuta senz’altro alla recente nascita del titolo, e per tale motivo mi è stato impossibile prova la componente online e darne un giudizio in merito. Un vero peccato poiché l’avanzata in coop sarebbe potuta risultare davvero interessante.

Synthetik Screenshot 5

Gli elementi RPG

Talvolta puntare e sparare non risolve la vostra difficile situazione in Synthetik: le ondate di nemici composte da tanti avversari e spesso frequenti, le loro corazze ben resistenti ai vostri colpi e le loro armi non inferiori alle vostre abbracciano al proprio cospetto una schiera di giocatori i quali, se non determinati, faticheranno a proseguire nelle missioni. Per ovviare a tutto questo è stato inserito all’interno del gioco un corposo sistema di elementi RPG che, in pratica, vi permette di migliorare tutto ciò che occorre, passando dalla vostra corazza fino alla potenza delle armi.

L’avanzamento proposto, però, non è selezionabile nel dettaglio dal giocatore e viene fornito sotto forma di pacchetti di espansione, anch’essi con modalità random, che migliorano una percentuale ben definita del vostro equipaggiamento o, in alternativa, della vostra prestanza fisica. Il sistema pone una scelta su più oggetti lasciando libero il giocatore di valutare quale potenziamento sia l’ideale in quella circostanza.

Le migliorie di Synthetik saranno accessibili sia dopo aver raggiunto un determinato punteggio, ricevendo il pacchetto bonus, sia attraverso totem presenti nel gioco che elargiranno potenziamenti a più non posso, ma a caro prezzo di crediti; quindi occhio a come spendere le vostre risorse, siccome ciascun totem offre potenziamenti differenti.

La personalizzazione permessa dal titolo non frena le sue potenzialità soltanto sugli aspetti appena evidenziati ma si spinge oltre, consentendo ai più volenterosi e assetati di sfida di incrementare il livello di difficoltà attraverso dei modificatori, potenziare la classe ed ottenere delle migliorie aggiuntive, sbloccabili solo con un attento raschiamento dell’area di gioco, ricca di collezionabili e dati importanti. Giocare tanto sarà l’unica via per accedere ai livelli più alti e agli aiuti maggiori.

Il gioco permette, ai meno amanti delle periferiche classiche per PC, di poter giocare anche con un gamepad ma, sebbene trovo in assoluto quest’ultimo molto più comodo per il gaming, la differenza sul campo è notevole e che amiate o no il mouse e la tastiera, probabilmente la vostra scelta ricadrà su questi due, nettamente superiori per l’anima del gioco.

Synthetik mostra delle basi ben solide sulle quali è possibile migliorare alcuni aspetti del gioco affinché questo risulti un’esperienza più completa e appagante. Il genere rogue-lite shooter potrebbe non interessare ad un’ampia fetta di videogiocatori, ma le dinamiche, gli elementi RPG e l’alto tasso di sfida che propone il titolo, fanno sì che questo risulti appetibile agli amanti del genere ma anche a chi cerca un divertimento alternativo ed incentrato sempre sul punta e spara; il tutto senza dover rinunciare ad una frenetica esperienza di gioco. L’assenza della campagna e di un personaggio ben definito abbassano le pretese volte a creare un legame solido con chi gioca, distraendo quest’ultimo da un gioco ricco di esperienza. Nulla non risolvibile in futuro attraverso degli aggiornamenti e pertanto da tenere d’occhio nei prossimi sviluppi.

 

Valutazione di TopGamer
Synthetik, disponibile su Steam, si aggiorna con l'espansione Legion Rising, la quale aggiunge nuove classi e difficoltà. Le potenzialità sono tante, il divertimento assicurato, ma alcuni accorgimenti potrebbero migliorare ulteriormente quella che è già di suo una solida e piacevole esperienza, tra cui l'aggiunta di una campagna.
PRO
  • Classi ben definite tra loro
  • Ampia scelta di armi
  • Difficoltà crescente
  • Potenziamento armi e personaggi
  • Gameplay variegato
CONTRO
  • Campagna assente
  • Scenari ripetitivi
  • Sistema di copertura non chiaro
  • Iterazione ambientale assente
  • Esperienza coop ancora vuota
7.5/10
VOTAZIONE
Valutazione lettori
3,50/5
2 voti
Vota tu
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi