Team Sonic Racing – Recensione

Siamo scesi in pista ed ecco il nostro verdetto

Scritto il 29.05.2019
da Ismaele "Isma92" Mosca
Team Sonic Racing - Recensione

A tutto gas nel mondo di Sonic

Arrivato in un periodo non proprio conveniente, in vista del ritorno di quel pilastro sacro che è Crash Team Racing, la creatura di SEGA e Sumo Digital si è rivelata comunque una piacevolissima sorpresa. Team Sonic Racing non sarà uscito nel momento più opportuno, eppure è un’opera da tenere fortemente in considerazione, soprattutto se pensiamo che le alternative di spessore all’eterno Mario Kart siano decisamente poche, se non nessuna. Per l’appunto, il remake di Crash Team Racing verrà rilasciato nel corso di giugno e poi abbiamo questo nuovo capitolo dello spin-off racing dedicato a Sonic.

Pur rischiando di passare in sordina, Team Sonic Racing è un gioco pregevole e divertente che non teme il confronto con i pilastri del genere. I capitoli racing del passato dedicati al porcospino blu erano indubbiamente validi, ma non riuscivano mai a decollare totalmente, mostrando il fianco a diversi problemi tra cui circuiti poco ispirati o senso di velocità molto statico. Con Team Sonic Racing le cose son cambiate decisamente, e in meglio. Andiamo quindi a scoprire insieme perché dargli più di una chance.

Roulette Road

Un notevole track design

Quel che salta subito all’occhio mentre si sfreccia a tutto gas sui tracciati di Team Sonic Racing è proprio la realizzazione tecnica e stilistica, nonché il track design dei circuiti. Il titolo si mostra in tutto il suo splendore; bello, colorato e carismatico (seppur non tutti i personaggi brillino per fascino), ma soprattutto solido tecnicamente. I sessanta fotogrammi al secondo garantiti sono quasi del tutto stabili se non fosse per qualche leggero scatto che capita veramente di rado in qualche situazione concitata, durando giusto mezzo secondo o giù di lì, non intaccando nel complesso l’esperienza di gioco.

Team Sonic Racing carica di adrenalina il giocatore grazie al brivido della velocità ben enfatizzato. Laddove i suoi predecessori risultavano carenti da questo punti di vista, il nuovo episodio è un gioa per gli occhi proprio per questo aspetto messo ben in risalto e senza intoppi di sorta. Dopotutto parliamo di Sonic e, alla guida di un veicolo o meno, la velocità resta un elemento fondamentale che contraddistingue il porcospino blu da tutti gli altri rivali. Sprovvisto di un senso di velocità ben definito non sarebbe la stessa cosa; per fortuna non è questo il caso. Sumo Digital e SEGA hanno capito di fare le cose per bene rispetto al passato.

Tornando sul track design, va sottolineata inoltre la bellezza dei tracciati. Finalmente possiamo ammirare circuiti molto ispirati, pieni zeppi di diramazioni ed esteticamente da capogiro con tanto di effetto antigravità ereditato da Mario Kart 8 – diremo forse un’eresia –, realizzato pure meglio. Team Sonic Racing regala un feeling decisamente migliore: rispetto al titolo Nintendo si avverte maggiormente la sensazione di essere sottosopra nelle varie fasi che compongono le piste, il tutto con un colpo d’occhio gustosissimo. Non da meno la colonna sonora che svolge un lavoro egregio e certosino e ci accompagna in maniera pressoché perfetta durante le gare. La varietà dei brani è molto corposa e ritroviamo pure diversi generi musicali, ma tutti si pongono un unico importante intento: caricare di adrenalina il videogiocatore. A dare un tocco in più ci pensa poi lo splendido doppiaggio giapponese. Sottolineiamo comunque anche il buon lavoro svolto dai nostri doppiatori.

Team Sonic Racing - Cutscene

Modalità Avventura di squadra

Una delle novità più interessanti di Team Sonic Racing non è tanto la presenza della modalità avventura (che preghiamo da sempre per vederla in Mario Kart), né tantomeno il gioco di squadra (che propone comunque diverse meccaniche originali), bensì l’unione tra le due cose. Infatti l’avventura è caratterizzata proprio dal fatto che tutte le gare dovranno essere affrontate da un team di tre personaggi. Tutto ciò mette in risalto la scelta della parola Team presente nel titolo in copertina.

Ovviamente, la modalità avventura non è formata solo da gare su circuito e gran premi; ritroviamo pure diverse sfide di natura tipicamente arcade, davvero ben realizzate. Proseguendo, mondo dopo mondo, il gioco ci proporrà sfide sempre nuove in aggiunta alla tipologia di quelle già affrontate. Potremo mettere alla prova le nostre abilità di derapata nelle challenge come Testa Calda e Sfida Ring oppure distruggere una marea di bersagli in un’altra o ancora guidare in mezzo al traffico e passare tra alcuni veicoli in particolare per accumulare tempo extra. Oltre alle sfide è possibile affrontare anche gare alternative come quelle ad eliminazione, il cui scopo è cercare di restare nelle posizioni alte, giro dopo giro, poiché altrimenti si viene eliminati.

Insomma, la varietà nell’avventura non manca di certo e il divertimento è assicurato. Come se non bastasse, ogni “stage” (che sia una sfida o una gara, per intenderci) vanta diverse condizioni speciali per ottenere stelle che ci permettono di sbloccare i passaggi per livelli successivi e delle particolari chiavi per aprire alcuni percorsi alternativi sulla mappa ed accedere a stage specifici. Alcune condizioni speciali possono risultare semplici da esaudire, ma altre vi metteranno a dura prova. In più, Team Sonic Racing ci permette di selezionare la difficoltà prima di ogni gara; per sbloccare la modalità esperto di ognuna di esse è richiesto terminarle prima in difficile. Ci sarà da sudare le famigerate sette camicie.

Team Sonic Racing - Pronti

In pista

Abbiamo parlato della bellezza dei circuiti e della modalità avventura. Adesso andiamo a vedere come si comporta Team Sonic Racing nel vivo dell’azione. Similmente a Mario Kart e Crash Team Racing, sparpagliati per tutto il tracciato troviamo svariate scatole oggetto al cui interno son presenti diversi power up (nel gioco denominati wisp) che possono essere missili, boost turbo, cubi, invincibilità e quant’altro. Ovviamente non mancano piattaforme per il turbo, rampe su cui eseguire salti e acrobazie, ostacoli e affini.

Sebbene ci siano gli wisp, utili nelle più disparate occasioni, Team Sonic Racing non abusa troppo nel loro utilizzo e punta molto di più sulle abilità alla guida del giocatore, differentemente da Mario Kart che purtroppo è diventato sin troppo casual e poco tecnico con il passar degli anni (sono ormai finiti i tempi del mitico Double Dash!!). Ciò è dovuto anche dal fatto che pur essendoci diverse tipologie di wisp, non ne sono troppe e nemmeno invasive. Sparsi ovunque ritroviamo inoltre gli anelli caratteristici di Sonic. Raccoglieteli, poiché incrementano la velocità del veicolo, ma occhio che un incidente qualsiasi ve li farà perdere tutti.

In maniera analoga a Diddy Kong Racing (strepitoso titolo di Rare per Nintendo 64), in questo nuovo capitolo dedicato a Sonic si derapa, ma senza saltare (come invece accade nei rivali di Naughty Dog e Nintendo). Derapare, come al solito, è importante non solo per prendere meglio curve difficili, ma anche per eseguire dei mini turbo. Diventa quindi di vitale importanza sfruttare al meglio le derapate e le rampe che ci permettono di cimentarci in folli acrobazie. Infatti, con il semplice movimento della levetta analogica destra, a seconda della direzione, viene eseguita una rotazione differente. Se si atterra senza intoppi e nel modo giusto, si ottiene un boost di velocità. Qualora riusciste ad effettuare più r0tazioni consecutive sino ad un massimo di tre, il turbo sarà davvero devastante. Infine, se siete mal posizionati durante un salto, inclinando la levetta analogica destra verso uno dei due lati ci consente di eseguire un acrobazia laterale.

Antigravità

Gioco di squadra

Gareggiando insieme al proprio team (che sia l’IA o una persona reale) ritroviamo alcune piccole chicche e peculiarità che vanno ad arricchire quello che risulta un consolidatissimo gameplay. A quanto sino ad ora descritto vi si aggiungono diverse meccaniche: possiamo infatti seguire la scia del nostro compagno in testa al gruppo per incrementare leggermente la velocità e restando alcuni secondi si ottiene un turbo definito fionda, attivabile una volta fuoriusciti dalla scia. I membri del team possono condividere i loro wisp; quindi se siete in prima posizione e vi compare un oggetto utile per un vostro compagno in difficoltà, basta condividerlo. Infine, se un compagno di squadra sbanda o viene colpito dagli avversari, raggiunto in tempo è possibile farlo riprendere subito con un bel turbo radente che lo rimette immediatamente in gioco.

Tutte queste azioni comportano inoltre il riempimento di un apposita barra, importantissima nelle competizioni di squadra presenti in Team Sonic Racing: il superturbo. Il superturbo è decisamente devastante e torna utile per ribaltare le sorti della gara. La velocità incrementa a dismisura e per tutta la sua durata si è invincibili. Chiaro che anche i team rivali possono contare sul superturbo, quindi bisogna fare sempre molta attenzione e giocarselo nei momenti opportuni.

Antigravità 2

Le note dolenti di Team Sonic Racing

Purtroppo in questa bellissima produzione vi sono alcune scelte discutibili e problemi non di poco conto che adesso vi andiamo a riportare: al termine di ogni gara o sfida si ottengono dei punti crediti, spendibili per ottenere parti di veicolo dei rispettivi personaggi, verniciature alternative e adesivi per abbellire i propri bolidi. Tuttavia, il loro acquisto è affidato ad un loot casuale e riteniamo questa scelta poco accattivante. Vero che di crediti se ne ottengono davvero in abbondanza, ma la meccanica della capsule non solo si basa sul caso, ma è anche molto lenta. Stare lì a spendere 10 crediti alla volta, per un solo oggetto alla volta, porta alla noia e se avete tipo 1000 crediti e vorreste spenderli tutti in un colpo, beh… vi annoierete prima.

L’infrastruttura online, al momento, è un’indecenza. Non si riesce quasi mai a gareggiare tranquillamente; capitano sempre dei problemi. Può succedere che non viene trovata la gara e che la console addirittura si freezi selezionando semplicemente Gara Classificata. Come se non bastasse, quando tutto sembra andar bene, al conto alla rovescia che dà poi il via alla partita, allo scoccare dello zero non succede nulla e quindi bisogna aspettare ulteriormente oppure uscire e rifare tutto. Per fortuna, quando finalmente si riesce a giocare, tutto fila in maniera abbastanza liscia. Davvero un peccato, poiché in titoli come questi la componente online è di vitale importanza, specie se si vuol creare una solida community, in vista poi di Crash Team Racing che spazzerà via tutto. E ci dispiace dirlo, ma è così. Qualora qualcuno dia una possibilità a Team Sonic Racing, considerando che ormai la maggior parte dei videogiocatori questi titoli li gioca online, delusi dal risultato a causa degli evidenti problemi, ci mettono poco ad emigrare sui server di Crash non appena esso uscirà. Ci auguriamo che il tutto venga risolto al più presto con patch correttive.

Nella modalità avventura non ritroviamo un hub, bensì una world map vecchio stampo. Sebbene questo non sia propriamente un difetto, visto che la concorrenza negli anni ’90 ne presentava uno tutto da esplorare, con segreti e quant’altro, non sarebbe stato malvagio vedere qualcosa di simile anche in questo Sonic. Inoltre, le cutscene statiche non sono propriamente il massimo, specie se son presenti solo quelle. Qualche filmato in più non lo avremmo disdegnato affatto. Per di più, capita spesso che dopo aver finito una gara, selezionandone poi un’altra o una sfida venga caricata una cutscene già vista, con gli stessi identici dialoghi. Si tratta probabilmente di un errore di programmazione; siccome a volte è possibile selezionare più di uno stage, il gioco non riconosce che la cutscene è già stata caricata una volta e la ripresenta come se fosse la prima. Nulla di grave, chiaro, ma un po’ cozza con l’esperienza (specie di questi tempi).

Oltre all’avventura vi è anche la possibilità di giocare in locale, da soli o con amici. Se si svolge un gran premio, però, serve a poco arrivare primi poiché punteggio a parte, saremo collocati comunque sempre ultimi alla griglia di partenza.

Si tratta comunque di difetti marginali che possono essere risolti in maniera piuttosto semplice, compresi i leggeri cali di frame rate che, ricordiamo, capitano comunque raramente. Quello che invece necessita di una patch immediata è la modalità online, perché al momento non garantisce divertimento, ma solo frustrazione e in un titolo del genere una roba così è impresentabile. Tra l’altro, non solo chi vi scrive ha riscontrato questi problemi nelle partite in rete, ma anche il nostro Gennaro Schiavelli (e rispetto a me ha pure la fibra – NdR).

Team Sonic Racing - Circuito Fuoco

Valutazione di TopGamer
Team Sonic Racing è stata una piacevole sorpresa. Reduci dalle esperienze passate non ci aspettavamo chissà cosa. Invece SEGA e Sumo Digital hanno saputo confezionare un prodotto di tutto rispetto, che non teme confronti con i pilastri sacri del genere (seppur con delle riserve).

Al netto di alcune piccole sbavature qua e là e qualche scelta infelice, è la modalità online ciò che non funziona affatto in Team Sonic Racing; confidiamo in una serie di patch correttive che vadano a risolvere tutto al più presto.

Tolto questo, ci ritroviamo tra le mani un titolo di gran spessore che paga forse un unico scotto: esser uscito poco prima di Crash Team Racing che, lo sappiamo, farà faville. Fuoco e fiamme. Team Sonic Racing merita comunque una chance. Consolidato da un ottimo gameplay, da una buona modalità avventura, da una colonna sonora galvanizzante e da un comparto tecnico pregevole, l'opera in questione può regalare tantissimo divertimento, nonché una bella dose di sfida.

Quel che è certo è che non vada affatto sottovalutato. Potrebbe essere una validissima alternativa ai rivali più amati. Almeno questa volta, Sonic gioca nella stessa categoria.
PRO
  • Ottimo track design
  • Bellissimo da vedere
  • Brivido della velocità ben enfatizzato
  • Gran colonna sonora
  • Notevole modalità avventura e tante sfide...
CONTRO
  • Infrastruttura online da sistemare totalmente
  • Gestione dei crediti da rivedere
  • Alcune sbavature qua e là
  • ... sarebbero state però gradite scelte più attuali per la world map e le cutscene
8.5/10
VOTAZIONE
Valutazione lettori
4,00/5
1 voti
Vota tu
1 vote, average: 4,00 out of 51 vote, average: 4,00 out of 51 vote, average: 4,00 out of 51 vote, average: 4,00 out of 51 vote, average: 4,00 out of 5
Loading...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi