The Hong Kong Massacre – Recensione

Ecco il nostro verdetto sull'opera prima di Vreski

Scritto il 07.02.2019
da Giacomo Todeschini

La malavita e un ex-poliziotto: The Hong Kong Massacre

The Hong Kong Massacre potrebbe da molti essere semplicemente etichettato come l’ennesimo clone di Hotline Miami, geniale e celebre indie del 2012 e, a onor del vero, non sarebbe neanche eccessivamente sbagliato. Dietro il titolo d’esordio di Vreski c’è però molto più di una versione sotto steroidi del classico di Dennaton Games e, nonostante le somiglianze siano parecchie, The Hong Kong Massacre riesce a vivere di vita propria, senza adagiarsi ad essere una semplice copia. Le differenze tra i due top-down shooter sono infatti molteplici e permettono al titolo di Vreski di distinguersi, grazie anche a meccaniche niente male.

Prima di lasciarci definitivamente alle spalle Hotline Miami è però opportuno evidenziare cosa effettivamente cambi tra i due titoli. The Hong Kong Massacre presenta infatti una veste grafica più moderna, anche se un po’ troppo anonima, ed elimina completamente le armi melee. Questo taglio si rivela essere il vero punto di rottura fra i due shooter, con il titolo di Vreski che rinuncia ad un’importante vena strategica. A sopperire a tale mancanza subentrano però bullet time e schivata, aggiunte che denotano ancor più il solco tra le due opere e il gameplay più frenetico, ma meno ragionato di The Hong Kong Massacre. Etichettare il lavoro di Vreski come semplice clone di Hotline Miami sarebbe quindi quantomeno superficiale.

The Hong Kong Massacre

Un arcade moderno

The Hong Kong Massacre non vuole però solamente essere una folle scarica di adrenalina o un semplice marasma di mazzate, ma prova anche a raccontare una storia tra un proiettile e l’altro, con una sinossi che prende più di qualche spunto dalle celebri pellicole action di John Woo. Purtroppo, tale verve narrativa convince solo in parte, non riuscendo a fare immedesimare il videogiocatore più di tanto. Dopo poco, infatti, svanirà nel vuoto la storia del nostro ex-poliziotto impegnato in una vendetta contro le organizzazioni malavitose di Hong Kong, lasciando spazio ad una mattanza indiscriminata. A concorrere a tale ruolo marginale della trama è inoltre una forte ripetitività del design dei vari avversari, tra loro molto simili e limitati a pochi differenti modelli poligonali.

Ovviamente in un titolo come quello di Vreski in pochi si aspettano una trama di livello ed ancor meno desiderano trovarla ed è quindi pienamente comprensibile questa scelta di affidare solamente un ruolo marginale all’aspetto narrativo. Dove invece The Hong Kong Massacre mostra il suo lato migliore è ovviamente nel gameplay. Siamo comunque molto lontani dai livelli di sfida e divertimento offerti da Hotline Miami ma è innegabile come essi siano ampiamente presenti e in forma anche nell’opera prima di Vreski. Con il classico mantra “ancora una partita e poi smetto” ci siamo infatti ritrovati dopo ore ed ore ancora attaccati allo schermo, alla ricerca di perfezionare sempre più il nostro score. Perché si, The Hong Kong Massacre ha anche una trama, ma non fa nulla per nascondere la sua anima arcade, con tanto di score e punteggi alla fine di ogni livello. Un perfetto connubio tra divertimento e assuefazione.

The Hong Kong Massacre - screenshot

Bullet time e schivata: un mix esplosivo

Volendo sviscerare a fondo la creatura di Vreski è però innegabile come essa non si riveli perfetta e mostri più volte il fianco alle critiche. Il fulcro stesso del titolo, ossia il particolare e funzionale utilizzo di bullet time e schivata, ha più di qualche imprecisione e, per quanto possa essere divertente, non è esente da difetti. La difficoltà del gioco, tendente alla frustrazione senza tale sistema, viene infatti drasticamente abbassata da un suo utilizzo indiscriminato, rendendo quasi obbligatorio auto-limitarsi per non rovinarsi l’esperienza di gioco. Non stiamo certo parlando di un titolo fin troppo semplice, ma è inconfutabile come un abuso di bullet time e schivata possa abbassare non di poco l’asticella della difficoltà. Un peccato non certo capitale ma che denota un bilanciamento non perfetto da parte di Vreski.

Un secondo aspetto in cui The Hong Kong Massacre avrebbe potuto dare di più è inoltre negli scontri con i boss che si rivelano sì divertenti, ma fin troppo simili tra di loro. La struttura di tali boss fight è sicuramente geniale, essendo strutturate in due corridoi paralleli dove intraprenderemo delle folli e mortali corse con il nemico di turno, ma, essendo ripetuta pari pari per ognuno di esse, si rivela ben presto ripetitiva. Aggiungendo a tale aspetto la già precedentemente citata anonimia e ripetitività dei personaggi è chiaro come si potesse fare molto di più per quanto riguarda le diverse situazioni di gioco. Ultimo punto dolente del titolo, la scarsa varietà di bocche da fuoco: solamente quattro, nonostante siano tutte potenziabili sotto diversi aspetti.

Alla fine dei conti, The Hong Kong Massacre è un tripudio di azione e divertimento, grazie ad un gameplay unico, una martellante colonna sonora e una serie di filtri visivi che danno al titolo quella marcia in più. Lo stile grafico, per quanto gradevole, non è ispiratissimo e non regala grandi picchi artistici, ma riesce egregiamente a fare il suo sporco lavoro, rivelandosi perfetto gregario dell’attore protagonista di The Hong Kong Massacre, ossia il gameplay. Armi in mano, c’è un’altra banda da sterminare!

The Hong Kong Massacre - Gameplay

Valutazione di TopGamer
The Hong Kong Massacre è un inno alla frenesia, un'esperienza che conquista ed appassiona, di cui non se ne ha mai abbastanza. Peccato solo per un bilanciamento del gameplay non perfetto ed una noiosa ripetitività di fondo. L'opera prima di Vreski ci ha però convinto e siamo sicuri che questo piccolo studio svedese avrà un roseo futuro.
PRO
  • Divertente ed adrenalinico
  • Arcade allo stato puro
  • Altamente rigiocabile
CONTRO
  • Bilanciamento non perfetto
  • Poche armi
  • Boss fight tutte uguali
7.5/10
VOTAZIONE
Valutazione lettori
0,00/5
0 voti
Vota tu
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi