Valkyria Chronicles 4 – Recensione

Valkyria Chronicles 4 è un vero ritorno alle orgini della serie. Forse fin troppo?

Scritto il 08.10.2018
da Francesco Generali
Valkyria Chronicles

Guerra per il conflitto

Valkyria Chronicles 4 è uscito a distanza di dieci anni dal primo storico capitolo (quello maggiormente diffuso tra noi occidentali). Difatti, dopo un capitolo su PS3 molto apprezzato da pubblico e critica, la serie si spostò su PSP. A parte lo spin-off dello scorso anno, Valkyria Revolution, che però è ben riassunto dal 54 di media su Metacritic.

Insomma, la serie di SEGA aveva bisogno di un ritorno alle origini, per evitare di cadere nel dimenticatoio. Per nostra fortuna così è stato!

Cos’è Valkyria Chronicles?

Si tratta di una serie di videogiochi di ruolo tattici. Avete presente i giochi su scacchiera come Final Fantasy Tactics? Valkyria Chronicles è una via di mezzo tra quest’ultimi e i giochi d’azione in terza persona. Non muoviamo il personaggio su una scacchiera, però c’è una stamina limitata per ogni suo turno. Il sistema ideato prende il nome di BLiTZ (Battle Of Live Tactical Zone). Sono ambientati in una distopica Europa del ventesimo secolo. Le fazioni non corrispondono agli stati reali. Abbiamo infatti la Federazione Imperiale Esteuropea e la Federazione Atlantica. Nel primo capitolo, difenderemo il neutrale regno di Gallia dalla Federazione Imperiale (la Federazione Atlantica non ci aiuterà in quanto impegnata a difendere i suoi confini). In questo quarto capitolo, la narrativa si sposterà direttamente alla battaglia tra l’Impero e la Federazione Atlantica (cronologicamente sono due vicende contemporanee).

valkyria chronicles 4

Tra vecchio e nuovo

Anzitutto, fortunatamente, a differenza dei precedenti capitoli, Valkyria Chronicles 4 ha i testi localizzati in italiano.

Il feeling e l’atmosfera rispetto al primo capitolo sono rimasti invariati, grazie agli ottimi disegni e all’eccellente colonna sonora di Hitoshi Sakimoto. Rispetto al secondo episodio, sono state eliminate le atmosfere scolastiche, così come sono state eliminate le irreali situazioni del terzo; questo per venire incontro ai gusti di noi occidentali.

Forse, però il titolo, è rimasto fin troppo ancorato al primo Valkyria Chronicles; tanto che le novità ci sono, ma non così tante da pensare che siano passati ben dieci anni. In ogni caso, andiamo nello specifico: tramite la modalità libro potremo salvare, rivedere filmati e rigiocare le passate missioni. Sempre da questa modalità, possiamo accedere alla caserma, dove assegneremo i nostri sudati punti esperienza alle varie tipologie di soldati; quando l’intera unità salirà di livello potrà talvolta apprendere abilità specifiche. Per chi non lo sapesse, tutto questo era già presente nel primo capitolo. La sezione ricerca e sviluppo permetterà di sviluppare nuove armi ed accessori.  Dato il buon livello di sfida, vi converrà investirci un po’ di tempo per presentarvi nel campo di battaglia al meglio delle vostre possibilità.

Una volta scesi nel campo di battaglia, ci saranno molti altri fattori che influiranno sui vostri turni. Ad esempio le simpatie (o antipatie) tra i personaggi che controllate. Vanno sapute sfruttare anche le condizioni meteorologiche, come nebbia e pioggia.

valkyria chronicles 4 screenshot

Qualche novità

Prima sostanziale novità di gameplay è l’introduzione della classe granatiere, capace di utilizzare un mortaio per attaccare un nemico che non si trovi nel suo campo visivo (glielo segnaleranno gli altri compagni). Altra novità interessante è la possibilità di fare fuoco di sbarramento con qualsiasi classe (tranne i lancieri). In generale, però, le nuove missioni sono tutte molto appassionanti da giocare.

I soldati meno importanti per la trama, inoltre, una volta uccisi in campo, devono essere raggiunti da un alleato entro tre turni, altrimenti verranno persi per sempre. Sarà difficile non perdere nessuno, dato che alcune situazioni saranno imprevedibili. Come detto prima, non è un gioco semplice e spensierato.

Messo da parte il gameplay, il comparto narrativo è buono ma alcune cutscenes forse si protraggono un po’ troppo, a tratti potrebbero scoraggiare alcuni giocatori. Tecnicamente non ci troviamo certo davanti a God of War, ma non ho neanche riscontrato problemi che abbiano intaccato la mia esperienza di gioco.

Infine la longevità è buona come gli altri capitoli della serie. Almeno trenta ore saranno necessarie per completare la main quest. Per chi volesse investirci ulteriori ore, sono presenti side-mission, potrete migliorare i gradi di completamento delle varie missioni ed infine è anche possibile potenziare le vostre unità sempre più.

Valkyria Chronicles 4 Screen

Potrebbero interessarvi anche i seguenti prodotti.

Valutazione di TopGamer
Non possiamo che essere felici che questa particolare serie abbia sfornato un nuovo capitolo. Ci auguriamo che, dovesse vendere bene, tra qualche anno SEGA ci presenterà un Valkyria Chronicles 5 tecnicamente superiore e con maggiori novità. Nel frattempo godiamoci questo quarto riuscito capitolo.
PRO
  • Adatto sia ai vecchi fan che ai nuovi
  • Formula unica
  • Impegnativo
CONTRO
  • Tecnicamente solo sufficiente
  • Qualche novità in più non avrebbe guastato
8.5/10
VOTAZIONE
Valutazione lettori
4,00/5
1 voti
Vota tu
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi