Watch Dogs 2 – Recensione

Articolo a cura di Antonio Rodo – versione testata PS4 Abbandonata la cupa Chicago, Ubisoft con Watch Dogs 2 ci porta nella soleggiata San Francisco, provando a correggere le problematiche riscontrate con il primo capitolo e promettendo una storia più profonda e coinvolgente, saranno riusciti nell’impresa? Beh, non vi resta che scoprirlo con la nostra […]

Scritto il 08.02.2017
da 6@dmin


Articolo a
cura di Antonio Rodo – versione testata PS4

Abbandonata
la cupa Chicago, Ubisoft con Watch Dogs 2 ci porta nella soleggiata San
Francisco, provando a correggere le problematiche riscontrate con il primo
capitolo e promettendo una storia più profonda e coinvolgente, saranno riusciti
nell’impresa? Beh, non vi resta che scoprirlo con la nostra recensione.

Storia e personaggi:


Le vicende
ci raccontano le gesta di Marcus Holloway, un hacker accusato ingiustamente
dalla Blume, la quale lo accusa di crimini che lui non ha commesso. Quindi il
primo compito del nostro protagonista è quello di entrare all’interno della
sede principale della Blume ed eliminare il suo profilo in maniera tale da
crearsi una nuova identità. Fatto questo Marcus, si unisce a un gruppetto
hacker nerd e ribelle, noto come dedsec. Il loro compito è quello di liberare i
cittadini dall’oppressione e dalla violazione della privacy da parte delle
grandi multinazionali (Haum, Tidis, Invite ecc). Il dedsec quindi, inizia una
vera è propria rivoluzione contro le multinazionali più potenti di San
Francisco, fino ad arrivare alla più potente: la Blume. Per combatterla il
dedsec, invita i cittadini a scaricare la loro app chiamata “app dedsec” in
modo tale da accumulare più follower possibili ed acquisire potenza di calcolo
da usare contro di essa. Per quanto riguarda i personaggi invece, Ubisoft ha deciso
di dare un cambio netto con questo nuovo capitolo, infatti rispetto al passato
troviamo dei personaggi (compreso il nostro alter ego) caratterizzati con un
tono più leggero e scanzonato. Ecco qui il primo problema della produzione, che
si prende la briga di trattare temi importanti, come ad esempio la privacy e la
manipolazione della popolazione da parte delle multinazionali, essi però,
vengono banalizzati dal comportamento infantile e adolescenziale dei
personaggi. Il protagonista rispetto ad Aiden Pearce, rappresenta un netto
miglioramento, egli appare già fin dalle prime fasi di gioco meno anonimo, più
vivace e molto carismatico.

Gameplay:  

Il gameplay rappresenta l’aspetto più riuscito, sono tanti i gadget a nostra
disposizione e  gli approcci da scegliere per affrontare una missione, il
che rendono il tutto più piacevole ed interessante. Nelle varie quest di gioco,
non viene mai detto al giocatore come affrontare una determinata missione,
lasciando sempre tutto alla fantasia del giocatore che può veramente
sbizzarrirsi. Ad esempio, potremmo scegliere di completare il nostro obiettivo
in remoto sfruttando soltanto il jumper e il quadrirotore, i quali permettono
quasi sempre di sostituire il nostro protagonista, essi possono osservare l’ambiente,
marcare i nemici e compiere degli hack; Oppure invece ,potremmo scegliere di
infiltrarci fisicamente all’interno degli edifici “sgattagliolando” alle spalle
dei nostri avversari e sfruttando la modalità NetHack , la quale ci permette di
individuare più facilmente i dispositivi hackerabili e i nemici; O in fine far
fuori tutto ciò che ci circonda ad armi spianate. Una delle meccaniche che è
stata più ampliata è l’hacking , adesso possiamo  scegliere tra molte più
opzioni, ad esempio, agganciando una porta possiamo compiere
quattro azioni : col triangolo potremmo bloccarne per qualche secondo
l’apertura, con il quadrato attivare una trappola su di essa, col cerchio
attirare il nemico, mentre con la x possiamo semplicemente aprirla. È anche aumentata
l’interazione con le persone e la città, ma soprattutto la quantità di
dispositivi hackerabili, come ad esempio prendere il controllo in remoto di
tutti i veicoli della città, compiere degli hacking di massa e far arrestare
qualsiasi cittadino con una chiamata anonima alla polizia. Molto migliorati
rispetto al primo capitolo sono: il sistema di guida sempre molto arcade, e la
personalizzazione del nostro protagonista, il quale può cambiarsi d’abito
 in qualsiasi momento attraverso i vari hackerspace (QG del dedsec)
 in giro per la città  e soprattutto potrete personalizzare Marcus
con il vostro stile preferito. Attraverso dei punti ricerca da spendere,
ottenibili raggiungendo di volta in volta un certo numero di follower, è
possibile potenziare Marcus attraverso l’albero delle abilità. Le abilità si
dividono in diversi rami, che spaziano dai gadget di Marcus fino ad aumentare
la quantità di oggetti hackerabili. I difetti riscontrati nel gameplay sono: la
fisica di gioco, soprattutto quando si è al controllo di un veicolo e
l’intelligenza artificiale dei nemici e degli NPC, che sembra a volte quasi
assente, le routine dei nemici appaiono troppo semplici da raggirare e la
difficoltà del gioco tende a salire solo se decidiamo di affrontare i nemici a
testa bassa.

Comparto Tecnico:

Graficamente i passi in avanti fatti rispetto al primo
Watch Dogs, sono molti pur trattandosi dello stesso Engine di gioco. I
personaggi sono più espressivi e più dettagliati, San Francisco è molto più
viva e colorata, regalandoci nel complesso un impatto notevole. Il gioco su PS4
gira a 1080p e 30 FPS, mentre su PS4 PRO è possibile giocare in 4K e con l’HDR
(High dynamic range), inoltre su quest’ultima ci sono dei cali di FPS e
problemi di tearing.
A livello sonoro in corrispondenza
del tono più leggero, Ubisoft ha optato per una colonna sonora vivace e
movimentata che ben si sposa con la scelta del nuovo protagonista. Attraverso
il nostro smartphone è possibile scaricare da uno shop online simulato varie
App, tra le quali merita di essere menzionata l’applicazione “media player” che
ci permette di ascoltare una vasta gamma di musica che spazia tra vari generi,
dal classico all’elettronica. Per quanto riguarda il doppiaggio italiano siamo
su ottimi livelli, con delle voci molto azzeccate.

Longevità:

Solo la main quest principale, si aggira attorno alle
venticinque ore, ma il mio consiglio, è quello di alternare Quest primarie e
secondarie, così da aumentare la longevità del titolo che pur essendo
leggermente inferiore allo scorso capitolo, ha delle missioni secondarie molto
più curate e divertenti, molte delle quali nascondono easter eggs, riferimenti
al primo capitolo e qualche piccola importante comparsa che sarete felici di
rivedere.

Multiplayer:


Il multiplayer è composto da tre modalità: coop online, cacciatore di
taglie e invasione hacker. La coop consiste nell’affrontare una manciata di
missioni insieme a un amico, oppure utilizzando il matchmaking. In Cacciatore
di taglie invece, dovremmo cercare e tentare di eliminare un determinato
bersaglio insieme ad altri giocatori. Infine in invasione hacker dobbiamo
hackerare un giocatore, scaricando e rubando i suoi dati. Inoltre in qualsiasi
momento è possibile unirsi alla partita di un giocatore per esplorare
liberamente la mappa di gioco, oppure per affrontare delle missioni. 

Commento:

Ubisoft ha ascoltato il proprio pubblico e con questo
capitolo ha migliorato quasi tutte le problematiche riscontrate nel precedente,
ma purtroppo i problemi più grossi del primo Watch Dogs non sono ancora
stati risolti e mi riferisco proprio alla narrazione e ai personaggi, problema
che Ubisoft ha provato a risolvere cambiando completamente il tono del gioco,
inserendo dei personaggi scanzonati, quindi se cercate un gioco con una forte
componente emotiva o con un tono più serio e maturo potreste rimanere delusi da
questo nuovo capitolo, ma nonostante questo, vi consigliamo di provarlo.

Valutazione lettori
0,00/5
0 voti
Vota tu
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi