Youtube – Disponibile L’eclisse di Michelangelo Antonioni

Nel 1962 Michelangelo Antonioni realizza L’eclisse. Il film viene presentato in concorso alla 15° edizione del Festival di Cannes,  vincendo il Premio Speciale della Giuria L’eclisse è l’ultimo film che Antonioni gira con una fotografia in bianco e nero, essenziale per fornire una scansione ben precisa ai due film precedenti e con questo film il regista realizza l’ultimo capitolo […]

Scritto il 18.05.2020
da Corrado Drago

Nel 1962 Michelangelo Antonioni realizza L’eclisse. Il film viene presentato in concorso alla 15° edizione del Festival di Cannes,  vincendo il Premio Speciale della Giuria

L’eclisse è l’ultimo film che Antonioni gira con una fotografia in bianco e nero, essenziale per fornire una scansione ben precisa ai due film precedenti e con questo film il regista realizza l’ultimo capitolo della sua trilogia dedicata all’incomunicabilità nella società industrializzata.

Trama:

Roma1961. In una mattina di luglio, l’inquieta Vittoria lascia il compagno, architetto, che non ama più. Il loro addio è freddo, indolore, quanto il loro rapporto era stato apatico. Sola, avvilita, segnata dalla fatica di vivere, «cerca negli altri un calore di vita, una facoltà di appassionarsi di cui essa stessa è ormai svuotata.»[2]

Una sera fa visita alla sua amica Anita, con la quale però non si sente così in confidenza da poter parlare di sé ed aprirsi. Vittoria cerca anche di recuperare un rapporto serio con la madre, che riesce ad incontrare solamente presso la Borsa di Roma, luogo dove la madre si reca quotidianamente. Durante una di queste visite incontra Piero, giovane e cinico agente di cambio.

Piero, avendo saputo che Vittoria è libera, lascia subito la propria ragazza e inizia a farle la corte. Comincia una relazione, malgrado la differenza di carattere e sensibilità tra i due e l’apparente mancanza di reale coinvolgimento e interesse. Dopo pochi incontri Vittoria si concede a Piero. Nei giorni successivi i due sono felici. Una mattina, nel salutarsi, Piero le ricorda l’orario del loro appuntamento serale. “Alle 8. Solito posto”. Ma sono le ultime parole che si scambiano: nessuno dei due si presenterà.

I luoghi dove Piero e Vittoria erano soliti incontrarsi, ora appaiono senza i loro protagonisti: l’angolo di strada, l’edificio in costruzione accanto, la fermata d’autobus e i volti delle persone che Vittoria incrocia quando torna a casa a piedi. Scende la sera, nella città si accendono le luci. Nella completa oscurità la vista rimane quasi accecata dal bagliore di un lampione che illumina una strada.

Correte a vederlo!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi